Fano convegno alla Memo: turismo, territorio, identità: la prima tappa

0
1081

Un dibattito sul presente ma soprattutto sul futuro del comparto turistico fanese che ha coinvolto gli operatori del settore con domande, analisi, progetti, azioni urgenti da attivare.

Josep Ejarque, di Four Tourism, tra i migliori destination manager d’Europa, ha trascinato i circa 150 presenti nella sala Ipogea della Mediateca Montanari, dalle ore 9 alle 13, nel dibattito “Turismo, territorio, identità – Strategie e strumenti per lo sviluppo turistico della città” promosso dall’Amministrazione comunale nella sala ipogea della Mediateca Montanari di Fano.

Soprattutto albergatori, ma anche rappresentanti di istituzioni, associazioni, studenti e cittadini hanno gremito la sala del convegno per capire come ripensare la strategia turistica della città.

“Fano piace, non strapiace – ha detto Ejarque, nel suo coinvolgente intervento che ha reso partecipi albergatori e operatori turistici -. Dobbiamo esserne consapevoli. L’86% dei turisti prima di scegliere dove trascorrere le vacanze guarda cosa dicono sui canali digitali le persone che l’hanno già visitata. La raccomandazione degli sconosciuti è oggi tra i fattori più importanti per comunicare turismo”.

E ancora, rivolto agli operatori e alle istituzioni: “Dovete decidere insieme cosa fate e cosa siete. Dovete costruire, nei prossimi anni, la vostra vision” perché Fano, a detta di Ejarque, deve essere ripensata e passare da città turistica a destinazione turistica, per essere vista e considerata come un prodotto a cui è possibile applicare le regole di marketing, per potenziare la notorietà del territorio.

Notorietà che, al momento, non è inesistente, perché “c’è un volume medio di 22.000 ricerche al mese su Fano. Ciò significa che il mercato sa che esiste Fano come destinazione. I numeri però calano se la ricerca è fatta da un utente di lingua inglese: sono infatti solo 140 le ricerche medie mensili nel mercato straniero”.

“È necessario capire cosa vogliono turisti e capire dove posizionare Fano, a quel punto è indispensabile studiare la proposta turistica per cercare di rendere indimenticabile la vacanza in questo territorio, per dare al turista un valore aggiunto, per regalargli un’esperienza unica. Fano è una città marinara, offrire un’escursione in barca con un pescatore, ad esempio, potrebbe essere una soluzione efficace”. E che potrebbe quindi ribaltare l’alta percentuale (pari al 72%) di visitatori che, ad oggi, assegna alla città un giudizio neutro: “Fano non stupisce, non è indimenticabile”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here