1 Maggio, Cisl: “Al Lavoro per un nuovo modello di sviluppo”

0
900

FANO – “Il primo Maggio che anche quest’anno si celebra nella nostra provincia con un fitto programmi di appuntamenti ed eventi organizzati da Cgil Cisl Uil e altre associazioni , diventa l’occasione per riflettere sulla situazione occupazionale del nostro territorio. I dati parlano chiaro e purtroppo confermano la drammatica situazione occupazionale
Ci sono fenomeni gravissimi che preoccupano fortemente la Cisl di Pesaro Fano urbino. Continua la diffusione di aziende cinesi che sottraggono lavoro alle nostre aziende soprattutto nella filiera del tessile abbigliamento : si sono inseriti nella filiera del lusso come terzisti eludendo qualsiasi normativa in termini di orario di lavoro regole di sicurezza sul lavoro e trattamenti contributivi e retributivi , creano dumping sociale alle nostre imprese.
La zona della Val metauro e della Val cesano sono fortemente interessate a questo fenomeno con intere zone artigianali e industriali occupate da aziende cinesi. La stessa dinamica interessa il settore del commercio sia nella piccola che grande distribuzione con esercizi commerciali rilevati da proprietari cinesi. In questo caso non solo piccoli negozi ma anche significative attività commerciali.
Altro fenomeno gravissimo è la diffusione dei voucher che vengono utilizzati nella più completa elusione di quanto prevista dalla norma: il voucher diffuso maggiormente nel settore del terziario e del commercio diventa uno strumento di elusione contributiva e retributiva.
Il voucher è usato come copertura del lavoro irregolare e in “ nero”. Occorre una svolta culturale dei nostri imprenditori un salto di qualità imprenditoriale per evitare l’utilizzo improprio di questo strumento. Perché invece dei voucher non utilizzano lo strumento dell’assunzione con contratto a tempo determinato o in apprendistato sapendo che in ogni caso la differenza retributiva tra i valore del voucher è le ore prestate in molti casi vengono corrisposte in “nero”?
Il nostro territorio soprattutto nella zona della val Metauro e val Cesano vede la ripresa del settore nautico con l’aumento di imprese terziste. In questa filiera rimane ancora diffuso il sistema della paga globale di fatto comprensiva di tutti gli elementi retributivi .
La Cisl chiede con vigore una forte azione di controllo e di contrasto degli organi addetti alla vigilanza per evitare la diffusione di queste dinamiche che mentre generano concorrenza sleale nei confronti delle aziende che operano nel rispetto del norme, non garantiscano diritti e tutele dei lavoratori
Per La ripresa economica e l’incremento occupazionale del nostro territorio si deve immediatamente coordinare l’utilizzo dei fondi sociali europei in una vision e strategica di sviluppo e di modello sociale evitando tanti micro progetti al difuori di una visone di contesto globale.
Altresì diventa importante completare le infrastrutture del nostro territorio ( il completamento della Fano Grosseto, il ripristino della Fano Urbino come volano di sviluppo turistico e strumento di mobilità sostenibile ) e avviare al copertura della banda larga nelle zone ad oggi sprovviste.
La Crisi ha segnato gravemente il nostro tessuto sociale: è giunto il momento di avviare immediatamente una nuova fase progettuale di sviluppo con un coinvolgimento attivo di tutte le forze sociali e politiche”.

Cisl Fano Pesaro Urbino

Rispondi