Nuovo logo e tabelle monitorie per l’area floristica a Baia del Re

4
1880

FANO – “La stagione balneare è ormai iniziata e turisti e cittadini si riversano sul nostro litorale per godere del mare, usufruendo delle tante strutture balneari che contribuiscono a rendere piacevole il soggiorno. Fra le tante spiagge attrezzate, a Fano è rimasta una delle poche oasi che ci ricordano come sarebbe una spiaggia naturale, come funzionano le dune sabbiose, come la vegetazione conquisti centimetro per centimetro l’ambiente sabbioso creando un habitat che può essere colonizzato da molte piccole specie animali.
Si tratta di Baia del Re, il tratto di spiaggia libera al confine con il Comune di Pesaro, che proprio per la sua peculiarità è stata inclusa dalla Regione Marche tra le Aree Floristiche Protette (L.R. 52/74). Al momento della sua istituzione la Regione aveva provveduto a delimitarla con tabelle monitorie, per segnalare che in tutta l’area è proibito raccogliere, estirpare o danneggiare le piante che vi crescono spontaneamente. Nel tempo le tabelle sono in gran parte andate perdute, e per molti anni la zona è stata lasciata all’incuria lasciando i bagnanti inconsapevoli del grande valore naturalistico di quelle piante, che all’occhio dei più possono erroneamente essere considerati “erbacce”.

Il Comune di Fano, attraverso un percorso partecipato con le associazioni ambientaliste e naturaliste Lapus in Fabula e Argonauta, grazie alla collaborazione di ASET Spa, ha adottato un nuovo logo per l’area e ha promosso l’installazione di nuove tabelle monitorie affinchè i bagnanti, che scelgono anche per la sua naturalità, siano resi consapevoli della sua importanza e della necessità di tutelarla.Il nuovo logo studiato e realizzato a titolo gratuito da Vanessa Lucchetti dell’Argonauta, riportato sulle nuove tabelle installate lungo la spiaggia e in prossimità degli accessi al litorale, rammenta che ci si trova in una zona speciale ove la vegetazione deve essere protetta e non danneggiata”.

Samuele Mascarin / Assessore all’Ambiente e all’Ecologia Urbana

4 COMMENTS

  1. …che bello…..”monitorie “….”Monitorio: Che ammonisce, che serve come monito”……..è una minaccia ???

Rispondi