Dati turismo a Fano: M5S, calo stranieri colpa dell’abusivismo

0
523

FANO – “A proposito dei dati pervenuti sulla stagione turistica 2017, osserviamo che se il turismo ancora tiene non è certo per le politiche di questa amministrazione comunale, che non ha una strategia per promuovere la città, ma per un fenomeno a livello nazionale che vede sempre più italiani rimanere in Italia nelle ferie estive, rinunciando ai viaggi all’estero sia per le minori disponibilità finanziarie sia per il timore di situazioni di insicurezza e di attentati terroristici che hanno funestato diverse mete turistiche estere.

Non crediamo, come sostiene l’assessore Marchegiani, che la minore percentuale di stranieri risultante dalle statistiche sia da attribuire ad evasione dell’obbligo di denuncia delle presenze per evasione della tasse di soggiorno da parte di B&B ed abitazioni private (a parte che non è vero che il Comune non può fare nulla contro l’abusivismo, ma esiste una Polizia Locale che può monitorare e mitigare il fenomeno). Infatti, se tale evasione esiste, non è certo un fenomeno nuovo, anzi, rispetto al passato le prenotazioni degli stranieri su queste strutture vengono sempre più intermediate da agenzie professionali che operano sul Web, che hanno precisi obblighi comunicativi in merito alle locazioni brevi effettuate da privati al di fuori dell’attività di impresa.

La verità è che Fano è sempre meno attrattiva nei confronti del turismo straniero, soprattutto perché non viene adeguatamente promossa sul Web, come hanno avuto modo di osservare anche pubblicamente gli esperti di questo settore di mercato. Inoltre, l’offerta turistica cittadina rimane quasi esclusivamente di tipo balneare, focalizzata sui 30-40 giorni estivi in cui le spiagge sono superaffollate e le strutture ricettive congestionate per il turismo interno e locale, in un mare che ad ogni piovuta viene interdetto alla balneazione per effetto dell’azione degli scolmatori del sistema fognario a dispetto delle Bandiere Blu di cui puntualmente si vantano ad inizio stagione i nostri amministratori. Ci si deve domandare pertanto perché uno straniero dovrebbe scegliere Fano, tra l’agguerrita concorrenza di località balneari e le bellezze naturalistiche ed artistiche dell’Italia e del Mediterraneo, in mancanza di una strategia di comunicazione e di accoglienza turistica che favorisca l’allungamento della stagione e definisca quale è l’identità e la vocazione turistica della città.

Solo su una cosa siamo d’accordo, ovvero che ci sono ampi margini di miglioramento.

Per quanto ci riguarda, il Movimento 5 Stelle di Fano ha un programma dettagliato sul turismo locale, in corso di revisione per l’appuntamento delle amministrative 2018, che punta all’estensione della durata della stagione turistica mediante gli eventi sportivi, culturali ed all’enogastronomia, alla promozione internazionale del territorio sul Web (sottolineando, anche da un punto di vista della promozione turistica e dei relativi servizi, la vocazione naturale cittadina quale “città dei bambini e della bambine”), all’integrazione con l’offerta turistica del territorio circostante, anche mediante la ferrovia turistica Fano-Urbino e le piste ciclabili, alla promozione della qualità dell’accoglienza e la cura dell’arredo urbano mediante un percorso partecipativo con gli operatori commerciali e turistici, al ripristino della garanzia di balneabilità del mare mediante una manutenzione straordinaria del sistema fognario che preveda, nel tempo, una separazione completa tra acque chiare ed acque scure.”

CINQUE STELLE FANO

Rispondi