«Terra di piloti e motori», Ricci mette i cartelli agli ingressi della città

«Terra di piloti e motori», Ricci mette i cartelli agli ingressi della città

PESARO – Matteo Ricci puntella la cartellonistica abbinata al marketing della città. E nei dieci ingressi principali – uscita dell’autostrada, strada del Montefeltro, strada della Romagna, strada Panoramica, via delle Regioni, strada della Fabbreccia, via Bonini, via dei Colli, via Panoramica Ardizio, Statale adriatica) – il sindaco appone «terra di piloti e motori», oltre ai già posizionati «città della bicicletta» e «città della musica». «Intanto li mettiamo a Tavullia e Pesaro. Poi nei Comuni che aderiranno – scrive su facebook –. Abbiamo trenta chilometri unici al mondo, collezioni e musei straordinari, aziende leader nel settore, generazioni di piloti e meccanici. Non dobbiamo raccontarcelo solo fra noi. La sfida è chiara: dalla passione si può costruire un pezzo di sviluppo economico e turistico», nota il sindaco, affiancato dal consigliere regionale Andrea Biancani. In parallelo si insisterà sugli altri asset. Musica: «150esimo rossiniano e candidatura Unesco, che rilanceremo anche martedì insieme al governo, con la visita del ministro Dario Franceschini». Bicicletta: «Legambiente ci colloca al primo posto per la percentuale degli spostamenti urbani su bici. Quest’anno, con altri sette chilometri e mezzo, arriveremo a 86 chilometri di bicipolitana. L’obiettivo è raggiungere i 100 chilometri entro la fine del mandato. Finora abbiamo goduto la nostra rete di piste, adesso dobbiamo ‘venderla’ turisticamente». Quindi lo sport, «con gli investimenti sugli impianti, per continuare a intercettare manifestazioni, anche in vista della candidatura europea 2017». Proprio in questi giorni i commissari di Aces Europe – la Federazione che assegnerà il riconoscimento – sono in città per i sopralluoghi funzionali alla valutazione.

(f.n.)

Condividi:

Rispondi