Virus Cina: Stato di emergenza, voli stop, ma porti aperti

0
526

ROMA, 31 GEN – Il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato d’emergenza di sei mesi per il rischio sanitario connesso al coronavirus e ha stanziato 5 milioni di euro. La somma messa a disposizione servirà per il reclutamento di medici, l’affitto di un edificio per la sorveglianza sanitaria e dei mezzi per il trasporto di casi sospetti di aver contratto il virus. Il premier Conte ha annunciato la chiusura dei voli da e per la Cina. Quanto ai porti, il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli ha fatto sapere che non verranno chiusi poiché esistono dei protocolli per lo stato di emergenza che consistono in un rafforzamento dei controlli standard.

ITALIA, I CASI – La coppia di cinesi, marito e moglie di 67 e 66 anni, ricoverata all’ospedale Spallanzani di Roma in “condizioni discrete” dopo essere arrivata a Milano il 23 gennaio, avrebbe fatto, prima di arrivare a Roma, una tappa a Parma. Da lì avrebbe affittato un’auto per raggiungere la capitale. Il bus della comitiva con cui viaggiavano con a bordo 18 cinesi è stato recuperato ieri a Cassino.

Il mezzo proveniva dalla Costiera Amalfitana, dopo aver fatto tappa a Verona. È stato scortato allo Spallanzani. La stanza dell’hotel Palatino a Roma in cui ha soggiornato la coppia cinese è stata decontaminata e dai controlli sulle persone con cui i due sono entrati in contatto non risultano altri casi. “Siamo quasi del tutto tranquilli che non ci siano stati altri contagi”, ha detto il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito. Anche i passeggeri del volo atterrato a Milano saranno controllati. Una bambina di tre anni con febbre, proveniente da Hong Kong, in soggiorno a Champoluc, in Valle d’Aosta, è stata sottoposta al test del coronavirus. La bimba è stata messa in isolamento nella camera dell’albergo in cui è ospitata. C’è un sospetto anche in Veneto, un minore del Trevigiano rientrato da un viaggio in Cina. Domenica arriverà l’aereo con i cittadini italiani bloccati a Wuhan. A Civitavecchia sono sbarcati i passeggeri della Costa Smeralda rimasta ormeggiata in porto per un giorno per un sospetto caso di Coronavirus rivelatosi negativo.

MONDO – Il bilancio dei morti per il coronavirus in Cina è di 213 persone, i contagiati nel Paese sono 9.700. Per la prima volta sono stati individuati due casi in Russia, si tratta di cittadini cinesi. Altri due casi sono stati confermati in Gran Bretagna. Nella base militare di Istres, vicino Marsiglia è atterrato il volo militare con a bordo 200 francesi provenienti da Wuhan. Verranno posti in isolamento per almeno 14 giorni, in un centro vacanze a Carry-le-Rouet requisito dalle autorità transalpine. Pakistan, Corea del Nord e la compagnia aerea Kenya Airways hanno chiuso i collegamenti con la Cina. La Turchia, con un volo partito questa mattina, evacuerà 34 cittadini turchi, 7 georgiani, 7 azeri e un albanese che si trovano a Wuhan. All’arrivo saranno trattenuti in quarantena. Il premier cinese Li Keqiang ha chiesto di accelerare lo sviluppo di un nuovo vaccino e di farmaci efficaci contro il coronavirus.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here