88 operai in sciopero, sindacati: “Non si tocca la Benetti” – VIDEO

9
2551

FANO – Oggi sciopero all’Azimut Benetti di Fano. 88 operi del sito produttivo di Fano hanno incrociato le braccia con l’astensione totale dalla produzione. Una scelta resa necessaria dalla decisione dell’azienda di chiudere il sito di Fano specializzato nella realizzazione di gusci in vetroresina e scafi.
Le maestranze altamente qualificate e il sito produttivo che operava con alti standard qualitativi e di sicurezza nei luoghi di lavoro verrà chiuso solo per la decisione aziendale di esternalizzare la produzione affidandola a ditte esterne. Una scelta che si giustifica solo per la riduzione del costo del lavoro perché le commesse di lavoro ci sono.
E’ gravissima la decisione sia per le ricadute occupazionali gravissime( 88 famiglie senza lavoro) che per la perdita di un sito produttivo efficiente e competitivo.
La vicenda dell’Azimut Benetti di Fano si innesta nella grave crisi della val Metauro della filiera della nautica: qundo nel 2009 l’azienda trasferì l’allestimento a Viareggio degli scafi promise che Fano sarebbe diventato il polo d’eccellenza della lavorazione della vetroresina. Invece oggi arriva la scelta della direzione di chiudere il sito.
La Cisl di Fano chiede unitamente a Maria Grazia Santini della Femca cisl di avviare subito un tavolo istituzionale di confronto per evitare questa tragedia occupazionale. Chiediamo però alle istituzione locali ( comuni e regione ) di adoperarsi per completare la strada di raccordo con il porto, il completamento del drenaggio dei fanghi perché il territorio di Fano e della Val Cesano non si può permetter di perdere anche per i gravi ritardi infrastrutturali le aziende della Nautica che sono rimaste nel territorio.

CISL FANO FEMCA CISL
Giovanni Giovanelli Maria Grazia Santini

vlcsnap-00040

vlcsnap-00041

9 COMMENTS

Rispondi