Sversamento di sostanze pericolose nel fiume Foglia: contaminato il fosso di Ca’ Bargiano – VIDEO

Sversamento di sostanze pericolose nel fiume Foglia: contaminato il fosso di Ca’ Bargiano – VIDEO

SASSOCORVARO – I Carabinieri Forestali hanno accertato lo sversamento di sostanze pericolose in un affluente del Fiume Foglia in località Mercatale di Sassocorvaro (PU). L’attività investigativa è stata avviata alla fine dello scorso mese di aprile quando un elicottero del Reparto Operativo Aeronavale di Rimini della Guardia di Finanza, in ricognizione nell’Alto Montefeltro, ha segnalato un’anomala colorazione delle acque di un affluente del fiume Foglia.

I Carabinieri Forestali della locale Stazione di Macerata Feltria, intervenuti sul posto unitamente alla Stazione Carabinieri di Sassocorvaro, hanno così verificato che nel Fosso di Ca’ Bargiano confluiva liquido biancastro dallo scarico di una Ditta artigianale ubicata poco più a monte. Le successive indagini hanno permesso di accertare che tale inquinamento era conseguenza del malfunzionamento dell’impianto di depurazione che causava il percolamento delle acque del processo di lavorazione, unitamente ai residui presenti sul piazzale, contaminando il fosso sottostante.

Le analisi effettuate dai tecnici dell’ARPAM hanno evidenziato in seguito la contaminazione del fosso, rilevando la presenza di vari composti chimici, tra cui sostanze pericolose come Cromo, Nichel, Rame, Piombo, Zinco. Le stesse analisi inoltre hanno escluso contaminazioni nel tratto a valle del Fiume Foglia risultando l’inquinamento limitato al solo tratto del fosso di Ca’ Bargiano.

I Carabinieri Forestale hanno quindi denunciato alla competente Autorità Giudiziaria il legale rappresentante della Ditta per scarico di sostanze pericolose in violazione al D.Lgs 152/2006 e alle prescrizioni dei Decreti autorizzativi (Autorizzazione Integrata Ambientale). Tale violazione è punita con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 2.500 euro a 26.000 euro. Le attività investigative sono state condotte dai Carabinieri Forestale della competente Stazione di Macerata Feltria.

Il Ten. Col. Gabriele Guidi, Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Pesaro e Urbino, sulla questione ha dichiarato: ”sottolineo, anzitutto, la sinergia e la tempestiva collaborazione tra i Reparti dell’Arma dei Carabinieri, il Reparto Operativo Aereonavale della Guardia di Finanza e i tecnici dell’ARPAM. L’intervento eseguito nella immediatezza, infatti, ha evitato la contaminazione del Fiume Foglia e conseguenze più gravi nel tratto fluviale a valle. Grazie alla successiva attività di indagine sono stati individuati i responsabili che hanno dimostrato ampia disponibilità nell’eseguire i necessari interventi.”

Condividi:

Rispondi