Spray al peperoncino in discoteca, 6 morti e panico a Corinaldo (Ancona)

Spray al peperoncino in discoteca, 6 morti e panico a Corinaldo (Ancona)

ANCONA – Sei ragazzi sono morti travolti dalla calca durante un fuggi fuggi generale in un locale in provincia di Ancona. Almeno un centinaio sono rimasti feriti, 10 dei quali in modo grave. La tragedia è avvenuta intorno all’una di notte nella discoteca ‘Lanterna azzurra’ di Corinaldo, in località Madonna del Piano. Dalle prime informazioni sembra che a scatenare il panico e il successivo fuggi fuggi sia stato l’utilizzo, da parte di qualcuno, di spray urticante. Nella discoteca, secondo quanto riferito dai testimoni ai Vigili del fuoco, c’erano in quel momento un migliaio di persone. Sia le vittime, sia i feriti, sempre secondo quanto si apprende, avrebbero riportato lesioni e traumi da schiacciamento.

TANTISSIMI GIOVANI IN DISCOTECA – Circa un migliaio i giovani presenti in discoteca. Tra questi anche alcuni Fanesi.  Il Lanterna Azzurra, era affollatissimo per il concerto di Sfera Ebbasta, uno dei più noti rapper della Trap music all’italiana.

 

“Alcuni dei ragazzi erano semispogliati, oppure senza scarpe. Ci siamo attivati immediatamente per aiutarli, anche in questo. Abbiamo fatto intervenire la Protezione civile”. “Il Comune di Corinaldo si è immediatamente mobilitato appena abbiamo saputo cosa era successo”. Lo dice all’ANSA l’assessore alla Cultura della cittadina marchigiana Giorgia Fabbri, che è stata in località Madonna del Piano, dove sei persone sono rimaste schiacciate nella calca nella discoteca ‘Lanterna azzurra’. Nella ressa, alcuni giovani hanno perso i vestiti, hanno raccontato anche alcuni dei feriti ricoverati ad Ancona.(ANSA)

IL RACCONTO DI UNA MAMMA DI FANO – Mia figlia è ferita nelle gambe, era nel punto in cui la ressa ha rotto la siepe e sono caduti ammassati. Era a metà del gruppo degli ammassati e per fortuna aveva solo le gambe intrappolate. Quelli sotto di lei sono rimasti schiacciati.

LE TESTIMONIANZE SU REPORTER DI STRADA – Romina P. scrive sulla pagina Facebook di Fano TV – Occhio alla Notizia:  Mia figlia e le sue amiche erano lì e hanno avuto una gran paura e se penso che tra i ragazzi morti poteva esserci lei ….. questo non è più divertimento ma inferno…. non ci sono parole!!!! È una vera e propria vergogna.

Cristina F. racconta: Mia figlia c’era !! Ma tutto bene per lei e i suoi amici …. purtroppo so anch’io che ci sono feriti e morti le ambulanze c’è ne sono tante speriamo bene.

Francesco G. – Ho sentito poco fa una mia amica che doveva essere li ma non é andata…ha parlato di 5 morti e decine e decine di feriti…una tragedia assurda.

Alessandra G. –  Mia figlia c era.. E anche io.x fortuna tutto ok.  Tanti feriti e parecchi morti… Una tristezza infinita.. Doveva essere una serata di festa.

SEI LE VITTIME – Sono cinque ragazzi minorenni e una madre venuta ad accompagnare la figlia le vittime della calca nella discoteca Lanterna azzurra di Corinaldo. Lo ha detto all’ANSA il questore di Ancona Oreste Capocasa, arrivato sul luogo. I minorenni sono tre ragazze e due ragazzi. Circa 35 i feriti, ha riferito il Questore – tra cui 12 gravi, alcuni in pericolo di vita.

Le salme delle sei vittime, rimaste schiacciate nella calca della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo sono arrivate all’obitorio dell’ospedale di Torrette ad Ancona. I dirigenti dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona stanno incontrando la stampa.

I feriti, invece, sono distribuiti tra gli ospedali di Torrette ad Ancona (i più gravi), Senigallia e Jesi. Le indagini stanno vagliando vari elementi, tra cui la testimonianza sul mancato funzionamento di un’uscita di emergenza. (ANSA)

 

Condividi:
  1. […] Spray al peperoncino in discoteca, 6 morti e panico a Corinaldo (Ancona)  Occhio alla Notizia […]

    Rispondi
  2. È assurdo che quando ci sono questi eventi ci siano così pochi controlli all’ingresso. È anche vergognoso che un locale habbia una capienza di circa mille persone ne facciano entrare il doppio , chi fa i controlli ? Pena, chiusura del locale.Meglio piangere prima che dopol

    Rispondi

Rispondi