Ambiente, Mascarin: “Mai in passato investito tanto”

Ambiente, Mascarin: “Mai in passato investito tanto”

FANO (PU) – Nel rispondere ai consiglieri del M5S credo si debba partire dal fatto che proprio ieri la nostra città ha ottenuto il riconoscimento della Bandiera Blu per tutti i tratti di costa candidati e questa è, mi pare, una buona notizia. Gli altri tratti semplicemente non sono stati candidati poiché in passato hanno registrato delle criticità che in alcuni casi (vedi i dati dell’estate 2013 relativi all’Arzilla) comportano per diversi anni l’impossibilità di proporsi per quel tipo di riconoscimento. Per affrontare in modo strutturale queste difficoltà – cosa mai fatta negli ultimi trent’anni – ASET sta avviando in questi giorni i lavori di prolungamento degli scolmatori di Via del Bersaglio e di Viale Ruggeri e ha firmato il contratto per la progettazione della vasca di prima pioggia all’Arzilla. I tempi di cantiere saranno relativamente contenuti e ad ogni modo giova ricordare che non li programma l’Assessorato all’Ambiente… Sono fatti, così come lo sono i tanti interventi – bonifica dall’amianto (oltre 170 tonnellate) in tutti gli immobili comunali e nelle scuole, aumento della raccolta differenziata e del riciclo, videosorveglianza delle isole ecologiche – che negli ultimi due anni sono stati realizzati dal Comune di Fano, che mai in passato ha investito tanto, anche economicamente, per la tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini. È un dato oggettivo e difficilmente contestabile e proprio per questo trovo surreale questo approccio così conflittuale con la prima Amministrazione comunale che dopo tanti anni ha iniziato seriamente e concretamente ad occuparsi di politiche ambientali, investendo non parole ma milioni di euro per un settore di intervento in passato sempre penalizzato. È una considerazione che ho già avuto modo di esporre tante volte in Consiglio comunale, raccogliendo senza pregiudizio in più di un’occasione le critiche e le proposte espresse in proposito dai consiglieri del M5S. Suggerirei quindi di lasciar da parte contumelie e battute per provare invece a confrontarsi con la visione complessiva e strategica delle politiche ambientali, se questo interessa.

Condividi:
  1. Ma la bandiera blu la daranno ad una città senza ospedale?

    Rispondi

Rispondi