Storie straordinarie in tutti i sensi. Dal 5 al 10 maggio alla Memo

Storie straordinarie in tutti i sensi. Dal 5 al 10 maggio alla Memo

FANO – Dal 5 al 10 maggio 2015 la Mediateca Montanari – Memo ospiterà una serie di iniziative, appuntamenti, incontri dedicati alla cultura della diversità, della disabilità e dell’integrazione.

“Il programma degli eventi – fanno sapere gli organizzatori – prevede incontri per bambini, adulti, genitori ed educatori, letture, laboratori e momenti formativi per chi si occupa, nella quotidianità o per professione, di disabilità e per chi è semplicemente curioso di saperne di più.

Durante la rassegna, come ogni anno, sarà allestita la mostra di libri speciali Storie straordinarie in tutti i sensi che costituisce il cuore dell’iniziativa.
Quest’anno la scelta è caduta sui libri senza parole perché sono libri specialissimi che possono parlare a tanti. Il titolo della mostra è Senza parole e presenta una selezione di libri utilizzabili da tutti. Libri le cui immagini raccontano ciò che le parole non riescono a esprimere: emozioni, progetti, ricordi che corrono sul filo silenzioso delle figure, per superare le barriere linguistiche e favorire l’incontro tra “culture diverse” e le “diverse culture”.

Grazie alla collaborazione attivata quest’anno con l’Istituto Professionale “Adriano Olivetti”, Polo 3 Fano, Storie Straordinarie ha finalmente un segno grafico che la identifica.
I ragazzi e gli insegnanti hanno riflettuto insieme agli organizzatori sul significato ed il valore del messaggio della rassegna ed hanno elaborato un logo.
Tutti i lavori realizzati dagli studenti che hanno partecipato al concorso di idee verranno esposti durante la rassegna.

Per genitori, educatori ed insegnanti anche quest’anno ci sono varie occasioni di approfondimento sul linguaggio e sull’importanza della narrazione. Comunicare oltre il linguaggio è l’incontro a cura delle logopediste Alessandra Renzi e Giovanna Diotallevi dell’ASUR Marche Area Vasta 1 Fano, dedicato alla comunicazione verbale e non verbale ed alle tecniche di comunicazione aumentativa alternativa.

La dottoressa Lorella Venturini e la dottoressa Catia Angradi del servizio NPI dell’Ospedale Santa Croce di Fano, ci propongono invece l’incontro Racconto quindi sono un appuntamento sulle tappe dello sviluppo psicologico precedenti alla competenza narrativa, parlando del gioco, del disegno, delle storie e dei prerequisiti linguistico-cognitivi alla narrazione in relazione alle fasi di sviluppo narrativo del bambino.

Tra le nuove collaborazioni di quest’anno possiamo annoverare il Museo Tattile Statale Omero e la Cooperativa Opera, l’associazione LiberaMusica, il Clown Dottor Morgana e il professor Giuliano Fattorini che hanno contribuito al programma della V edizione con proposte di altissimo profilo.

Il Museo Tattile Statale Omero e la Cooperativa Opera realizzeranno l’incontro Toccami una favola. I libri tattili del Museo Omero. L’incontro sarà animato dalla lettura delle favole tattili del Museo Omero e da un laboratorio per famiglie ed operatori per la creazione di un libro tattile.

LiberaMusica realizzerà il laboratorio Coro LibereVoci e ci presenterà il suo bellissimo progetto che parte dal presupposto che la musica è un linguaggio unico che accomuna tutte le culture del mondo e che, grazie alla pratica musicale, sia possibile promuovere l’empatia, la solidarietà e la cooperazione: fattori primordiali nell’integrazione sociale.

Maria Grazia Torri in arte “Clown Dottor Morgana” curerà gli incontri di Arteterapia dal titolo IncontriAMOci, un progetto che permette ai partecipanti di ampliare i propri interessi ed entrare in relazione con il mondo, con lo scopo di favorire il processo creativo per produrre benessere, salute e migliorare la qualità della vita e l’autonomia di ciascuno. Le emozioni espresse attraverso l’Arteterapia sono immediate, autentiche, partono dal profondo ed è più facile esprimerle perché non incontrano barriere di difesa.

Il professor Giuliano Fattorini porterà alla Memo Il Robot Nao e ci illustrerà le immense potenzialità di questo concentrato di tecnologia e di come sia in grado di offrire un valido supporto al docente sia con alunni normodotati che diversamente abili.

Avremo ospite la redazione di Universo Insieme della Cooperativa Labirinto, che racconterà le esperienze vissute durante gli incontri delle giornate.
Durante la settimana si svolgeranno riprese e servizi a cura di Altre Visuali, un progetto di rete AGFH finanziato dal CSV Marche.
Parteciperanno inoltre alle attività i ragazzi del progetto LiberailTempo dei Servizi Sociali del Comune di Fano.

Durante le giornate di Storie Straordinarie ci saranno molti appuntamenti con laboratori e letture dedicate ai più piccoli curate come tutti gli anni dai Servizi Educativi e servizio di sostegno del Comune di Fano.

La V edizione di Storie Straordinarie in tutti i sensi è stata coordinata dalla Mediateca Montanari – Memo con la collaborazione di: AGFH – Associazione Genitori con Figli con Disabilità, Ambito Territoriale Sociale VI del Comune di Fano, ASUR Marche Area Vasta 1 Fano, CDIH – Centro Documentazione e Informazione Handicap Fano, Cooperativa Labirinto, Coordinamento Territorio Disabilità, CTS – Centro Territoriale di Supporto per le nuove tecnologie di Fano, ENS – Ente Nazionale Sordi di Pesaro, Gruppo Lettori Volontari Nati per Leggere di Fano, Istituto Professionale “Adriano Olivetti” Polo 3 Fano, LiberailTempo – Servizi Sociali del Comune di Fano, LiberaMusica – associazione culturale di Pesaro, Logopedia Medicina Riabilitativa di Fano, Maria Grazia Torri (Clown Dottor Morgana), Museo Tattile Statale Omero, OPERA Società Cooperativa, Servizi Educativi e servizio di sostegno del Comune di Fano, Servizi Sociali del Comune di Fano
UICI – Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Pesaro, UMEE – Unità Multidisciplinare Età Evolutiva di Fano, UNICEF – Comitato provinciale Unicef di Pesaro-Urbino”.

Condividi:

Rispondi