Protezione Civile al Codma, conclusa la prova di soccorso “Training 2016”

3
1333

FANO – Dal 13 al 15 maggio si è svolta, presso l’area Codma del Comune di Fano, la prova di soccorso “Training 2016”, organizzata dalla Federazione Italiana Ricetrasmissioni – Citizen’s Band ed approvata dal Dipartimento della Protezione Civile.
All’evento hanno preso parte oltre 180 volontari provenienti da 8 regioni, dal nord al sud dell’Italia, impegnati nel programma di formazione continua di FIR-CB.
I cinque Team (Radiocomunicazioni, Logistica, Segreteria, Cucina e Unità di Crisi Nazionale) hanno partecipato ad attività didattiche, sia teoriche sia pratiche, preparate dai Formatori nazionali della Federazione e da alcuni tecnici esterni.
Nel pomeriggio di sabato è stata lanciata una breve ma efficace ed intensa esercitazione sotto stress: simulando il verificarsi di un evento calamitoso, l’Unità di Crisi Nazionale della Federazione ha disposto l’attivazione di una Colonna mobile di prima partenza, chiamata ad allestire un campo “misto”, destinato ad accogliere sia il personale volontario impegnato nelle operazioni di soccorso sia la popolazione civile costretta a lasciare le proprie abitazioni.
Raggiunto il posto individuato per l’allestimento del campo:
il Team Logistica ha provveduto a montare le tende di servizio, a dotarle di energia elettrica, ed a predisporre tutte le piazzole destinate a ciascuna tenda per i volontari o per gli sfollati
il Team Radio ha garantito la presenza di un CTM per la copertura delle comunicazioni radio sia al campo che sul territorio, collegamenti con la sede di Milano e ha dotato il campo di una connessione dati stabile.
il Team Segreteria ha allestito due Segreterie da campo, una destinata agli sfollati, una destinata ai volontari, ed ha proceduto ad avviare le registrazioni delle persone che via via arrivavano presso il campo
il Team Cucina ha garantito la preparazione del vitto per i volontari impegnati nelle operazioni di soccorso.
Si tratta del secondo training organizzato da FIR-CB a Fano e tutte le attività svolte saranno ora oggetto di una valutazione sia da parte dei singoli Team sia da parte della struttura nazionale della Federazione: in questo modo, sarà possibile rilevare i punti di forza fatti emergere dalla “task force” della Colonna mobile nazionale e, al tempo stesso, le aree di miglioramento.
Nel corso del training, 40 volontari hanno avuto modo di prendere parte anche a corsi tecnici di formazione, quali quelli per la guida dei manitou e dei carrelli elevatori e 37 volontari quello sui protocolli HACCP per alimentaristi.
Non si tratta di eventi sporadici: da anni, la FIR CB e il CB Club E. Mattei organizzatore dell’evento, stanno investendo molto su processi di formazione continua, che oramai costituisce il “modo di essere” dei volontari di Protezione civile. Non è più tempo per le improvvisazioni. Al contrario, è necessario formarsi ed aggiornarsi per poter rispondere sempre meglio alle esigenze delle popolazioni colpite da calamità.

DSC_0357

DSC_0073

3 COMMENTS

Rispondi