Nuovo ospedale, PCdI: “Serve una mobilitazione in favore della sanità pubblica”

11
1346

FANO – “Nel dibattito surreale aperto sulla questione dell’Ospedale unico, appare ormai evidente a tutti che Fosso Sejore non è, e non potrà mai essere, il luogo adatto per costruire il nuovo ospedale. Lo dimostrano, tra l’altro, i recenti interventi di assesto del manto roccioso, che provoca spesso frane a ridosso della strada provinciale e della Statale 16. Inoltre è una zona scomoda da raggiungere se si proviene dalle varie aree interne della Provincia. A tal proposito il sito di Chiaruccia, proposto dal sindaco di Fano Seri, appare senz’altro migliore, dal momento che si tratta di una grande area di proprietà del comune e facilmente disponibile, senza ricorrere a costosi terreni privati.
Il sito di Chiaruccia ha anche il vantaggio di essere facilmente raggiungibile dall’entroterra e da Pesaro, essendo vicinissimo al casello dell’autostrada di Fano. L’amministrazione fanese faccia però la sua parte per renderlo fruibile, rilanciando senza indugio il progetto del quarto tratto dell’interquartieri, inspiegabilmente accantonato, che faciliterebbe l’accesso a Chiaruccia da Pesaro e migliorerebbe la viabilità di Fano e del suo entroterra verso Pesaro.
I Comunisti sono da sempre convinti che la sanità debba rimanere pubblica, sia nel caso della costruzione di nuove strutture, sia nelle loro gestione, poiché le ruberie del privato in questo settore, a cui abbiamo assistito negli ultimi decenni, hanno affossato la qualità del servizio in molte aree del nostro Paese e perché Pubblico è garanzia di un diritto Universale.
Nel frattempo è indispensabile potenziare gli ospedali già esistenti, riportando la Provincia di Pesaro-Urbino al massimo dell’efficienza sul piano sanitario, che è stata abbassata negli ultimi anni spogliando gli ospedali del territorio di molti servizi utili ai cittadini.
Lanciamo un appello a tutte le forze politiche, in particolare quelle che hanno a cuore la sorte della sanità nel nostro territorio, ad organizzare ed attuare una forte mobilitazione in favore della Sanità Pubblica, sotto attacco anche per le logiche privatistiche imposte dal liberismo dell’Unione Europea, in Italia sostenuto dal Partito Democratico; quest’ultimo faccia una profonda e severa autocritica sulle proposte sbagliate fatte in questi mesi a livello regionale e locale in tema di Sanità.
Prendere in considerazione l’ipotesi di Chiaruccia da parte della Regione sarebbe un segnale di rinsavimento, dimostrando lungimiranza e lontananza da logiche speculative.
Resta fermo il fatto che, anche se l’Ospedale Unico ci sarà, e speriamo nel posto giusto, ci vorrà ancora del tempo, pertanto ribadiamo che oggi è prioritario ridare dignità agli ospedali del territorio provinciale e restituire ai cittadini un servizio sanitario degno di questo nome: non si fanno risparmi sulla pelle della gente”.

Partito Comunista d’Italia- Federazione di Pesaro Urbino

11 COMMENTS

  1. Rilancio anche a voi la proposta di ieri: dato che governate con lo stesso PD di Ceriscioli, perché non estromettete il PD dalla giunta, lo mettete in minoranza in consiglio con una “giunta di unità cittadina” insieme a tutti gli anti-PD e cercate tutti insieme di combattere contro questo progetto?

  2. A questo punto conviene far funzionare al meglio sia quello di Fano. ..e di Pesaro … ristrutturare quello che c è da ristrutturare. …e sopratutto mettere personale idoneo….

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here