Infermiera positiva al Covid-19 a spasso con la famiglia: denunciata

0
785

FANO – La polizia locale di Fano ha fermato, nella periferia fanese, una famiglia composta da madre, padre e due figli, intenti a fare un passeggiata: cosa non consentita, in quanto i più piccoli possono uscire soltanto con uno dei due genitori, in prossimità della propria abitazione. Dai controlli degli agenti è emerso, poi, che la donna è risultata positiva al Coronavirus. Dunque, non solo non poteva uscire di casa, ma anche gli altri tre componenti dovevano essere in quarantena. Per di più, la donna è un’infermiera. Qualifica che ha fatto scattare l’aggravante e la denuncia penale alla Procura della Repubblica. La famiglia ha riferito che l’intenzione sarebbe stata quella di andare a gettare la spazzatura. Ignorando, quindi, anche il servizio messo a disposizione da Aset Spa. L’azienda, infatti, ha attivato già da alcuni giorni il Porta a Porta per le persone risultate positive al Covid-19 o in quarantena.

In serata ci ha contattati il difensore di fiducia dell’infermiera. “La signora – ha dichiarato l’avvocato – non era affatto a spasso ma semplicemente davanti al suo portoncino in attesa dell’autospurgo appena chiamato per risolvere un problema alle fognature che emanavano un irrespirabile ed insostenibile fetore che rendeva impossibile la permanenza in casa. Quanto sopra sarà dimostrato con la fattura di intervento della ditta di autospurgo”.

 

Foto web

Rispondi