Hospice Fossombrone, Talè: “Iniziati i lavori di ampliamento, si passerà da 10 a 20 posti letto”

0
177

FOSSOMBRONE – “Sono iniziati i lavori necessari all’ampliamento dell’hospice di Fossombrone, che passerà da 10 a 20 posti letto”. A dare la notizia è il consigliere regionale Federico Talè, che ha seguito dall’inizio questo importante progetto e che ora spiega: “Le opere riguardano i locali al primo piano della struttura. In questa fase sono finalizzate allo spostamento dell’endoscopia nel blocco operatorio, dopodiché comincerà la realizzazione delle nuove stanze di degenza dell’hospice, che occuperanno anche l’area attualmente adibita agli esami di endoscopia. Il primo step si concluderà entro settembre e il secondo per dicembre, gennaio, quando avremo i 10 posti letto in più pronti per l’utilizzo”. “Il costo complessivo dell’intervento – aggiunge Talè – è di 400mila euro. Dopo la delibera di giunta regionale del 27 novembre 2018 n. 1622 che aveva autorizzato l’attivazione degli ulteriori 10 posti, il reperimento della copertura finanziaria sul bilancio Asur e il termine del blocco lavori determinato dall’emergenza Covid, finalmente siamo operativi”. Il consigliere tiene a puntualizzare che: “l’hospice di Fossombrone, guidato dal dottor Carlo Brunori e dal dirigente medico Rita D’Urso, è una vera eccellenza; una realtà unica nel panorama regionale, che non prende in carico solo i pazienti oncologici, ma anche le persone affette da malattie neuro-degenerative. E l’ampliamento andrà proprio in questa direzione, per dare una risposta adeguata anche a coloro che hanno patologie neuro-muscolari gravi, in particolar modo la Sla (la sclerosi laterale amiotrofica), e che in questo momento, molto spesso, sono lasciati da soli a vivere il proprio dramma. Attualmente i posti letto di hospice nelle Marche sono in totale 76 ed è necessario che si raggiunga in tempi rapidi almeno l’obiettivo minimo dei 100 indicato dalla delibera di giunta regionale n. 1105 del 2017”. “Pr l’avvio di questi lavori rivolgo un doveroso ringraziamento al direttore dell’Area Vasta 1 Romeo Magnoni e all’ingegner Rodolfo Cascioli, responsabile tecnico per Av1 di questo e di numerosi altri interventi sul tutto il territorio di competenza”.

 

Rispondi