Ecco il modello di autodichiarazione per gli spostamenti aggiornato (26.03.2020)

Ecco il modello di autodichiarazione per gli spostamenti aggiornato (26.03.2020)
Tempo di lettura: 2 minuti

Cambia ancora in modulo per l’autocertificazione degli spostamenti. Lo ha detto il capo della Polizia, Franco Gabrielli”. La stragrande maggioranza dei cittadini – ha osservato Gabrielli – è rispettosa dei divieti, ma c’è un’altra parte che forse non è consapevole dei rischi o è allergica ai divieti e si comporta in maniera negativa. Io – ha ricordato – nei giorni scorsi avevo sottolineato l’esigenza di misure più efficaci ed il Governo ha fatto un nuovo decreto che, all’articolo 4, introduce un quadro sanzionatorio diverso. I comportamenti scorretti potranno venire sanzionati con l’articolo 452 del Codice penale, che punisce i comportamenti colposi con una pena fino a 12 anni di reclusione”. “L’articolo 4 – ha proseguito il capo ella Polizia – stabilisce che non c’è più un reato penale ma un comportamento sanzionabile con un’ammenda, che va da 400 a 4000 euro e sarà aumentata di un terzo qualora si usino veicoli, C’è poi una sanzione specifica per violazione di quarantena, con l’arresto da 3 a 18 mesi sanzione ed il pagamento da 500 a 5mila euro”. “Dobbiamo essere rigorosi – ha detto ancora il prefetto – ma anche umani, comprendere che i cittadini sono bersagliati con disposizioni non sempre omogenee, abbiamo infatti anche disposizioni regionali. Dobbiamo quindi far perseguire i furbi ma comprendere una parte di cittadini che vive una condizione di necessità che non sempre trova riscontri in un modulo e bisogna aiutare chi ha bisogno”.

SCARICA IL NUOVO MODULO PER GLI SPOSTAMENTI (link Ministero dell’Interno)

nuovo_modello_autodichiarazione_26.03.2020 (PDF)

E’ on line su sito del ministero dell’Interno il nuovo modulo per l’autocertificazione agli spostamenti. Il testo è stato modificato alla luce del decreto 19 pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale e delle situazioni di incertezza emerse in questi giorni. Rispetto alla versione precedente, nel quesito dove il cittadino dichiara di non essere sottoposto alla misura della quarantena e di non essere risultato positivo al Covid-19, si aggiunge la frase: “fatti salvi gli spostamenti disposti dalle Autorità sanitarie”. Il cittadino deve poi dichiarare di essere a conoscenza, oltre che dei divieti disposti dal decreto 19, anche delle “ulteriori limitazioni disposte con provvedimenti del Presidente della Regione …. (indicare la Regione di partenza) e del Presidente della Regione…. (indicare la Regione di arrivo) e che lo spostamento rientra in uno dei casi consentiti dai medesimi provvedimenti”. Il dichiarante deve inoltre essere a conoscenza delle sanzioni previste dall’art. 4 del decreto 19. Tra le situazioni di necessità che giustificano lo spostamento vengono specificati quelli “all’interno dello stesso comune o che rivestono carattere di quotidianità o che, comunque, siano effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere)”. Riguardo la motivazione dello spostamento la persona deve specificarla nel modulo: “lavoro presso…, devo effettuare una visita medica, urgente assistenza a congiunti o a persone con disabilità, o esecuzioni di interventi assistenziali in favore di persone in grave stato di necessità, obblighi di affidamento di minori, denunce di reati, rientro dall’estero, altri motivi particolari, etc…)”.

Condividi:

Rispondi

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com