Due scosse di terremoto avvertite nelle Marche

0
720

Si trova nella zona di Montereale l’epicentro del terremoto di magnitudo 5,3 avvenuto oggi fra L’Aquila e Rieti, secondo i dati dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Montereale è il comune più vicino all’epicentro del terremoto di magnitudo 5.3 avvenuto alle 10,25, alla profondità di 9 chilometri. Gli altri comuni vicini (entro 10 chilometri) sono Capitignano, Campotosto, Amatrice e Cagnano Amiterno. Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, appresa la notizia del nuovo terremoto che ha colpito il centro Italia, si è messo in contatto con il capo della protezione civile Fabrizio Curcio e segue direttamente la situazione.

La Protezione civile delle Marche lancia un appello affinché tutti i mezzi diretti nelle zone interessate dall’emergenza neve e dal terremoto si dotino anche di catene oltre che di gomme termiche. Sulle strade dell’Ascolano, del Maceratese e del Fermano, ancora ricoperte da una spessa coltre di neve, il problema è rappresentato infatti dalle auto e altri mezzi che si pongono di traverso, e le operazioni di rimozione fanno perdere molto tempo. Da qui, l’appello della Protezione civile.

“È una situazione abbastanza complicata. Stiamo ricevendo i ritorni dal territorio, ovviamente il sisma è stato avvertito in maniera chiara su tutta la parte centrale fino alla Capitale. Al termine delle verifiche potremo dire se abbiamo avuto situazioni particolarmente difficili o meno”. Lo ha detto a Skytg24 il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. “In quella zona sta nevicando ormai da diverse ore, in maniera ininterrotta, e continuerà a nevicare ancora per le prossime ore”.

Momenti di panico a Montereale, comune della provincia dell’Aquila, epicentro delle scosse di terremoto di questa mattina. “Ci sono state tre scosse violentissime – riferisce all’ANSA uno degli abitanti, Donato De Santis – paragonabili a quelle del terremoto dell’Aquila e di Amatrice. Sono mesi che siamo perseguitati dalle scosse, che non si esauriscono mai. Vogliamo metterci in salvo, non sappiamo che cosa potrà succedere. Ma siamo bloccati dalla neve”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here