Bomba d’aereo di 31 Kg ritrovata in cantiere a Vallefoglia

0
524

PESARO – Nella mattinata odierna, a seguito del ritrovamento nella giornata di ieri di un ordigno bellico in un cantiere in località Montecchio di Vallefoglia, il Prefetto Carla Cincarilli ha convocato e presieduto una riunione di un Tavolo tecnico di coordinamento secondo quanto previsto, per il caso di specie, dalle procedure diramate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile con circolare del 18.12.2014.
Alla predetta riunione erano presenti, oltre ai vertici provinciali delle Forze di Polizia, gli artificieri del Reggimento Genio Ferrovieri di Castelmaggiore, i Sindaci dei Comuni di Vallefoglia e Montelabbate ed i rappresentanti delle strutture operative provinciali interessate dalle attività di disinnesco, tra i quali anche il Comandante provinciale Vigili del Fuoco, il Dirigente della Sezione Polizia Stradale, i rappresentanti dell’Anas, del “118”, della Provincia, dell’Enel, della Telecom, della Croce Rossa e della Protezione Civile Regionale.
Nel corso dell’incontro si è proceduto ad approfondito esame delle principali problematiche al fine di definire le misure cautelative da adottare durante le operazioni di disinnesco del predetto ordigno bellico, una bomba di aereo di circa 31 kg., attualmente messa in sicurezza da parte degli artificieri dell’esercito.
Il Prefetto ha programmato una ulteriore riunione nella prossima settimana per definire le modalità operative necessarie per il brillamento dell’ordigno che sarà effettuato in un successivo arco temporale di pochi giorni, dopo che saranno state individuate, nello spazio di cautela specificato dagli artificieri pari ad un raggio di circa 1535 metri, la popolazione ivi dimorante, le strutture pubbliche, le infrastrutture esistenti, la tipologia degli stabilimenti industriali presenti nonché le caratteristiche del territorio.
Al riguardo i Sindaci dei Comuni di Vallefoglia e Montelabbate, con il coordinamento della Prefettura, provvederanno ad attuare Piani di evacuazione speditivi della popolazione presente nelle zone interessate, che peraltro comporteranno un disagio limitato a poche ore di una mattinata e per il tempo strettamente necessario per le operazioni degli artificieri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here