Ambulanza rallentata dalla presenza di biciclette sulla pista ciclabile a Pesaro

0
2088

PESARO – La scorsa domenica 26 luglio i mezzi di soccorso sono stati rallentati nel corso di un’operazione avvenuta tramite la pista ciclabile che costeggia la ferrovia nel tratto che va da Viale Trieste a Sottomonte , la quale oltre ad essere concepita per ciclisti e pedoni, viene utilizzata dai soccorritori come via di accesso alla spiaggia in caso di necessità. Nel corso dell’intervento in questione però, volto a salvare una bagnante la quale aveva accusato un malore in spiaggia ,purtroppo deceduta in seguito, gli operatori sono stati rallentati dalle numerose biciclette -vista la grande affluenza al mare nel week end- lasciate in sosta dai bagnanti, talvolta anche in doppia o tripla fila , che hanno quindi ostacolato il regolare transito dell’ambulanza.

L’equipaggio del 118 in servizio è stato costretto a procedere con grandi difficoltà, in una corsa contro il tempo, perdendo minuti preziosi per l’intervento, urtando più volte e rovinando sia le biciclette, sia la carrozzeria del veicolo. Al centro della questione però non sono gli eventuali danni ai mezzi, come il presidente della Croce Rossa di Pesaro, Antonio Brancadori (foto) tiene a puntualizzare:”E’ necessario che le persone capiscano che un gesto di superficialità come quello di lasciare una bicicletta in sosta ai lati della ciclabile in maniera non curante, si potrebbe rivelare determinante”. Non è la prima volta, infatti, che si verifica una situazione del genere a Pesaro. Anche gli anni scorsi si sono verificati casi simili e nonostante i cartelli di divieto di sosta affissi lungo la pista, ogni anno in estate gli operatori si trovano dinanzi a circostanze come questa: “viviamo il momento dell’intervento sulla nostra pelle, ed è frustante pensare che potremmo essere rallentati, quando la vita della persona in questione dipende da noi”, continua Brancadori.

Sensibilizzare i cittadini tramite una cartellonistica colorata e ben evidente ed allargare o aumentare le zone di parcheggio destinate alle biciclette sono solo due delle tante proposte che potrebbero eventualmente migliorare ed evitare il ripetersi di casi analoghi. La questione comunque, è già stata fatta presente al Comune di Pesaro, il quale assieme al comandante della Polizia Municipale, ha mostrato sensibilità e disponibilità rispetto al problema. Si è ancora lontani dalla soluzione: ci si appella, in ogni caso, al buonsenso delle persone.

Letizia Marchionni

Nella foto: Antonio Brancadori – Presidente Croce Rossa di Pesaro

Rispondi