Aggiornamento Neve. Fiocchi nel pomeriggio sulla costa ?

0
4163

FANO – Temperature rigide, intorno ai 2 gradi sul litorale Fanese e Pesarese che potrebbero portare, oggi pomeriggio, qualche fiocco di neve fin sulla costa. Difficile dire se i calcoli matematici dei modelli previsori dei più importanti siti meteo italiani azzeccheranno la previsione. Però poco fa uno dei più quotati, ovvero 3B Meteo, ha pubblicato questa cartina geografica con i simboli della neve anche sulla costa. Vedremo se la previsione sarà centrata oppure no.   SEGNALA IL TEMPO CON FOTO E VIDEO SU REPORTER DI STRADA

ROMA, 12 DIC – La perturbazione di origine atlantica che sta interessando l’Italia continuerà ad insistere sul nostro paese portando ancora piogge e temporali al sud e venti forti sul resto delle regioni. Sulla base delle previsioni disponibili il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo che prevede a partire dalla tarda mattinata di domani venti di burrasca fino a tempesta su Emilia-Romagna orientale, Toscana, specie settori costieri e meridionali, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna e Puglia. Attese, inoltre, precipitazioni diffuse localmente anche molto intense e accompagnate da grandinate su Campania, Basilicata e Calabria, specie sui settori tirrenici. Il Dipartimento ha anche valutato per domani una allerta arancione per rischio idrogeologico sul versante tirrenico della Calabria.Stazione Meteo di Fano TV

 

 

 

 

 

 

 

 

ROMA, 12 DIC – Un sistema perturbato di origine atlantica durante la prossima notte raggiungerà l’Italia con precipitazioni anche temporalesche, specie sui settori tirrenici e a carattere nevoso sulle regioni settentrionali e sulla Toscana. La fase di maltempo sarà accompagnata da un deciso rinforzo della ventilazione occidentale su gran parte del territorio. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it). L’avviso prevede dalla tarda mattinata di domani, venerdì 13 dicembre, venti di burrasca o burrasca forte, con raffiche fino a tempesta violenta, su Emilia-Romagna orientale, Toscana, specie settori costieri e meridionali, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata tirrenica, Calabria, Sicilia e Sardegna, in estensione, dal tardo pomeriggio di domani a Puglia e Basilicata ionica. Forti mareggiate lungo le coste esposte. Dalla tarda mattinata di domani, si prevedono inoltre precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Campania, Basilicata e Calabria, specie settori tirrenici. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, venerdì 13 dicembre, allerta arancione sul versante tirrenico della Calabria e allerta gialla sui restanti settori. Valutata allerta gialla anche su parte di Toscana, Umbria, Lazio e Abruzzo, su tutto il territorio della Campania e su alcuni settori di Molise e Basilicata. Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here