Anziana investita in bici, rintracciata l’auto

Anziana investita in bici, rintracciata l’auto

FANO – Una donna di 82 anni è stata investita da un’auto mentre andava in bicicletta poco prima delle 11 di oggi, martedì 18 febbraio, in via Roma di fronte all’agenzia 1 della Carifano. La signora è stata soccorsa da un medico che si trovava all’interno della filiale ed ha chiamato i soccorsi. Un’ambulanza del 118 l’ha poi portata al pronto soccorso per accertamenti. In quel punto della carreggiata le biciclette sono costrette a passare tra le auto parcheggiate a lato della strada e il traffico veicolare che lì aumenta notevolmente. Le auto infatti arrivano sia da via Roma che dalla vicina via della Giustizia. Secondo una testimone l’auto che ha investito l’anziana non si sarebbe fermata a prestare soccorso. Sul posto anche una pattuglia della polizia municipale per i rilievi di legge.

AGGIORNAMENTO DELLE 13:12 – La Polizia Municipale ha rintracciato la persona che questa mattina si trovava alla guida dell’auto, una Fiat Multipla. Gli agenti sono in attesa di interrogare il conducente per chiarire la dinamica del sinistro. E’ stato possibile arrivare ad identificare la macchina grazie alla segnalazione di una passante che ha preso il numero di targa.

20140218-donna-investita

 

IMG-20140218-incidente-bici

Condividi:
  1. Alessandro Zuccarini 18 febbraio 2014, 11:37

    Fano è diventata invivibile sia per i pedoni che per le biciclette, bisogna però considerare la poca disciplina di entrambi a volte.

    Rispondi
    • pilato si è lavato le mani per non prendere posizione.
      Fano è quella che amministratori e addetti ai controlli vogliono che sia.

      Rispondi
  2. veniva da via della giiustizia, aveva fatto la rotonda, stava percorrendo via Roma: o è stata caricata alle spalle, oppure è stata stretta tra le auto in sosta e quelle in movimento direzione monte. eviterei di puntare il dito in maniera indiscriminata contro ciclisti e pedoni maleducati, tutte le volte. piuttosto, visto che poi l’auto se ne è andata, verrebbe da pensare che non avesse proprio tutte le sante ragioni di questo mondo!

    Rispondi
  3. ciclista fanese 18 febbraio 2014, 15:57

    è ora passata di multare gli automobilisti perchè sono loro il vero pericolo della strada. fino ad ora sono sempre stati salvati, parcheggiano nei marciapiedi e nelle piste ciclabili, non si fermano nelle strisce pedonali, il ciclista e il pedone non sono mai considerati. e’ ora di cambiare sistema. si dovrebbero pensare percorsi in primis secondo l eesigenze di ciclisti e pedoni e poi delle auto. le strisce pedonali per una macchina dovrebbero essere come uno stop, invece puoi stare minuti sotto la pioggia senza ombrello e nessuno si ferma. Poi ci dicono che il ciclista deve scendere per attraversare la strada, sarà meglio che prima fate rispattare il codice della strada agli automobilisti???? Fano sarebbe facilmente attraversabile in bicicletta in pochi minuti se non fosse che sopra una bici diventi trasparente. sono sempre di più gli incidenti causati da macchine a discapito di pedoni e ciclisti. Invece per molti il problema principale è eliminare le bici dal corso???? quanti morti o feriti sono stati causati da ciclisti? Che schifo!

    Rispondi
    • Ciclista fino a prova contraria siete ospiti sulle strade dato che il bollo ancora non lo pagate. Nonostante le piste ciclabili costruite anche coi soldi di chi la bici nemmeno la possiede vi ostinate a pedalare nelle strade statali (perché indossando una maglietta colorata con 2 scritte vi ritenete altamente professionisti) e non vi abbassereste mai a girare sulla ciclabile dove ci pedala la signora che va far spesa. Viaggiate a gruppi occupando tutta la corsia, per attraversare la strada vi hanno fatto le strisce pedonali sopra il dosso con semaforo controllate da vigili o protezione civile , siamo in attesa che venga montata anche la sbarra modello passaggio a livello che si abbassa ad ogni persona che passa almeno le code inizieranno da Marotta , da Lucrezia e da pesaro. Il buon senso e la buona educazione sta bene ovunque ma quando queste vengono a mancare da parte di entrambi mi dispiace per i biciclisti ma vige la regola del “io pago e se tu con la bici non fai lo stop ,contromano e mi vieni a sbattere sul mio tir ti fai più male di me”

      Rispondi
      • ciclista fanese 19 febbraio 2014, 11:21

        qui non si sta parlando di ciclisti professionisti (che spesso in effetti sono di intralcio) si parla di persone che vanno a lavorare o a fare la spesa in bici. Io non pagherò il bollo ma non inquino e faccio ginnastica invece di andare in macchina in palestra (come fanno molti). Io pago le tasse come chi gira in macchina inquina, parcheggia ovunque e contribuisce alla formazione delle buche. Il ciclista ha lo stesso diritto e sono sullo stesso livello degli automobilisti. Se vi scoccia pagare il bollo compratevi una bici!

        Rispondi
        • Nemmeno io inquino perché vado a metano. Comunque ciclista dici bene che gli automobilisti parcheggiano alla C.D.C. e per questo sono multati , son bellissime invece tutte quelle biciclette legati a qualsiasi cosa ricordi un palo nelle stazioni, corsi cittadini o centri storici . Comunque se un automobilista tocca un biciclista va sul giornale , mentre se un biciclista che per il corso (isola pedonale) va ai 30 facendo slalom tra la folla viene ignorato. Sarà forse perché la mole della macchina è molto più grande rispetto alla bicicletta?? Saranno più i biciclisti che hanno urtato pedoni o più automobilisti a urtare biciclisti?? A lei la risposta .. anche se mi permetto di farle notare che “forse” è molto più attento un automobilista che un biciclista

          Rispondi
          • Mi pare di capire che a lei dispiace che la signora in questione sia ancora viva!!! PS il metano inquina lo stesso .. Sempre molto di più che andare a piedi!

          • ciclista fanese 20 febbraio 2014, 9:17

            concordo con runner, anche il metano inquina. Poi, proprio perchè la mole della macchina è maggiore che dovreste prestare molta più attenzione. se urto un pedone con la bici, nella peggiore delle ipotesi gli lascio un ematoma, se lo urto con la macchina l’ematoma è solo la migliore delle ipotesi. Concordo che le bici parcheggiate ovunque non sono il massimo ma purtroppo, come dicevo, a Fano i ciclisti non sono mai stati molto considerati. Secondo Lei ci sono più postiauto o più posti per biciclette? E comunque una bicicletta parcheggiata su un marciapiede o su un palo non ha lo stesso ingombro di una macchina. se parcheggio la mia bici su un marciapiede rimane ancora spazio, se ci parcheggio l’auto, poi bisogna passare in mezzo alla strada.

  4. Runner se hai inteso che sono dispiaciuto che la signora sia ancora viva è un problema tuo perché lo deduci tu ma non è ciò che penso io. Poi era fondamentale la presenza di un runner in questa “guerra tra poveri” che stiamo facendo tra automobilari (indisciplinati ,inquinatori , che parlano al telefono e che non danno la precedenza sulle strisce pedonali etc etc ) e biciclisti (che legano le bici ovunque,che sfrecciano in mezzo alla gente,che ostacolano la circolazione stradale etc etc) …. Finalmente un runnerista che va alla zingaretti con le scarpe fatte sulle basse marche oppure uno di quelli che vanno con le scarpe costruite dai bambini , che corrono in mezzo al traffico cittadino con l’auricolare a tutto volume in cerca di suicidio e che finita la corsetta prende la macchina per andare a Pesaro / Marotta / Lucrezia ?
    Indifferentemente dalle proprie esigenze o passioni ciò che serve, ciò che dovremmo insegnare agli altri è il RISPETTO . Personalmente ho notato che se io con la macchina mi fermo per fare attraversare un pedone anche fuori dalle strisce noto dalla labiale che esso mi ringrazia. Purtroppo il sistema e la società sono un po’ malate ultimamente , lo noto perché vedo che quando faccio dei gesti di gentilezza (aiutare persone anziane, puerpere , etc) vengo guardato con occhi timorosi come se volessi fregarli, perché la società non è più abituata a gesti di cortesia , ma vi posso garantire che è una cosa piacevolissima . Scusate il mio fuoridoscorso ma mi piaceva “vantarmi di questo mio difetto” dato che ho la possibilità di rimanere anonimo!
    Provate a vivere la città non solo col rispetto ma anche col sorriso , la troverete ancor più bella!

    Rispondi
    • Siamo veramente fortunati ad avere in questo blog un “DIO” sotto le mentite vesti di un semplice automobilista fanese (metano-munito)!! D’ora in poi prima di prendere qualsiasi decisione cercherò di consultarla.

      Rispondi

Rispondi