Sulla Flaminia a Carrara di Fano: auto urta gruppo di ciclisti

Sulla Flaminia a Carrara di Fano: auto urta gruppo di ciclisti

FANO – Incidente lungo la Flaminia nella tarda mattinata odierna. Alcuni ciclisti amatoriali – secondo alcuni testimoni – sono stati urtati da un’auto all’altezza di Rosciano di Fano. Sul posto il Potes che ha soccorso un paio di feriti non gravi. L’incidente è stato commentato su una pagina Facebook.

Foto: Facebook

 

Condividi:
  1. Non so quale sia la dinamica dell’incidente in questione, ma va denunciato il fatto che i ciclisti viaggiano sempre in blocco, anziché in fila indiana, occupando spesse volte anche l’intera corsia costringendo a rallentamenti importanti del traffico urbano e non. Se poi cerchi di farli spostare suonando il clacson, ti mandano a quel paese in malo modo.

    Rispondi
    • Caro, il nuovo codicedella strada prevede che i ciclisti possano andare in fila per due, ma è molto più sicuro fare un blocco, perchè se si è in fila le auto vogliono passareugualmente spesso a poci cm dai ciclisti, e basta una buca da evitare e ci si sbatte contro. ovvio che nello scontro non è certo l’automobilista che si fa male!!!!

      Rispondi
      • Il comma 1 dell’articolo 182 del Codice dell Strada dice questo: “1. I ciclisti devono procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano e, comunque, mai affiancati in numero superiore a due; quando circolano fuori dai centri abitati devono sempre procedere su unica fila, salvo che uno di essi sia minore di anni dieci e proceda sulla destra dell’altro. ” Il comma è chiaro a mio avviso, penso che il buon senso dovrebbe suggerire ai ciclisti di viaggiare sempre su un’unica fila, dal momento che se si mettono in doppia fila o in blocco sanno già (mi auguro) di creare qualche difficoltà all’auto in arrivo la quale dovrà per forza rallentare, aspettare che eventualmente il buon senso emerga e si spostino, oppure fare tutto il viaggio dietro di loro a mo’ di scorta e aspettare il momento buono per sorpassare. Non conosco il Codice della Strada nei dettagli, ma la prima cosa che mi è stata insegnata a Scuola Guida è che non bisogna MAI intralciare la circolazione.

        Rispondi
        • Ah, chiaramente quando parlo di ciclisti mi riferisco a quelli in tuta da corsa, non ai singoli o alle famiglie che, nella maggior parte dei casi, viaggiano in modo corretto.

          Rispondi
  2. il codice della strada va rispettato, sia dagli uni che dagli altri.
    quel che non mi spiego è come l’autista sia finito contro il gruppo di ciclisti.
    delle due l’una: o è stato un gesto intenzionale (perchè i ciclisti hanno rotto le scatole…. mi faccio giustizia da me…. passo comunque…) e allora la cosa è molto grave a carico di chi guidava la macchina, oppure l’autista era distratto alla guida e la cosa non mi sembra sia meno grave. speriamo di avere più dettagli sull’accaduto e che l’incidente si sia risolto con un nulla di fatto.

    Rispondi
  3. Un incidente della strada, come tanti ne succedomo. Nessuna dietrologia o criminalizzazione, piuttosto consapevole assunzione del rischio da parte dei ciclisti che sono sicuramente i più deboli e vulnerabili nel momento in cui decidono di mettersi a pedalare su strade trafficate anche da mezzi pesanti.

    Rispondi
    • a questo punto il problema ciclisti si ampia e porta ad una certa “mobilità sostenibile” di cui molti sentono parlare ad eccezione degli amministratori pubblici.

      Rispondi
  4. Il codice della strada dice anche che i ciclisti in presenza di pista ciclabile devono usare questa, regola che tra Fano e Pesaro non viene praticamente mai rispettata da parte dei cicloamatori.

    Rispondi
  5. Incivili. L’Italia è un paese retrogrado e adesso ne sta pagando le conseguenze. Pure gli immigrati se ne vanno ormai. Imparate a usare la bici e rispettare i ciclisti.

    Rispondi
    • e va là che se ne vanno gli immigrati almeno la lasciano a noi l’italia!!!e cmq i ciclisti han proprio rotto le scatole..sempre in mezzo..

      Rispondi

Rispondi