Rapina a Cuccurano, Sandroni (FDI-AN): “Nessuna risposta per aumentare la sicurezza”

Rapina a Cuccurano, Sandroni (FDI-AN): “Nessuna risposta per aumentare la sicurezza”

FANO – “Il gravissimo fatto di cronaca accaduto a Cuccurano nei giorni scorsi e’ solo l’ultimo di una lunga serie che sta colpendo il nostro territorio e già un anno fa,FDI-AN Fano lo annunciava a gran voce che c’era bisogno di più sicurezza e controllo. Un anno fa infatti,una delegazione del nostro partito incontrava il Sindaco di Fano per portare le nostre preoccupazioni e contestualmente un documento con progetti,proposte e richieste per la sicurezza nel nostro territorio. Purtroppo ad oggi non c’è stata nessuna risposta da questa amministrazione,nonostante le belle parole ricevute per i nostri contributi,evidentemente erano più impegnati nelle vicende interne per candidature alle regionali prima e posti e ruoli interni al comune poi. Ci fa anche piacere vedere che anche il Prefetto oggi vede un problema la sicurezza nel nostro territorio,mentre un anno fa,durante l’incontro avuto con il Prefetto con una nostra delegazione guidata dal Portavoce regionale Carlo Ciccioli per consegnare al Sig. Prefetto un documento con delle nostre proposte e delle richieste,tra cui un maggior numero di agenti di Polizia al Commissariato di Fano,ci veniva risposto che la situazione non era così grave e che si dovevano usare meglio gli agenti sul territorio.
Oggi ribadiamo che la nostra non è una provincia felice,come dice un giovane telegenico pesarese e di recente anche il Procuratore della Repubblica di Pesaro dichiarava il nostro stesso pensiero. Fano,la terza città delle Marche,merita un maggior numero di agenti per il controllo del territorio,un territorio comunale di 64 mila abitanti che arriva a 100 mila con il comprensorio. Anche gli stessi sindacati di Polizia lo hanno richiesto più volte,vivendo in prima persona una situazione oltre i limiti,mettendo gli agenti in situazioni lavorative stressanti e pericolose”.

Alessandro Sandroni
Portavoce FDI-AN Fano

alessandro sandroni

Condividi:

Rispondi