Pezzo di impalcatura si stacca dal campanile. Vento e neve nell’entroterra

Pezzo di impalcatura si stacca dal campanile. Vento e neve nell’entroterra

FANO – La fase acuta del maltempo è ormai passata e fortunatamente ha provocato pochi danni in provincia di Pesaro e Urbino. Nella notte si sono abbattute sia sulla costa che nell’entroterra forti raffiche di vento che in alcuni momenti hanno raggiunto anche i 70 km/h. A Fano, secondo i dati dell’ Osservatorio Meteorologico di Fano TV (clicca qui) la raffica di vento più forte è stata registrata alle 5.46 di domenica 22 novembre ad una velocità di 62.8 Km/h.

A Mombaroccio, il forte vento ha divelto alcuni basamenti di una impalcatura del campanile del Santuario del Beato Sante, di proprietà del comune. Uno dei pannelli è caduto nel cortile interno rompendo una vetrata del convento dove abitano i frati. L’intervento dei Vigili del Fuoco di Pesaro è servito per mettere in sicurezza tutta la struttura metallica, in attesa dell’intervento della ditta esecutrice dei lavori, fermi ormai da sei mesi. I carabinieri hanno transennato anche la stradina d’accesso che porta al sagrato della chiesa che però resta regolarmente aperta al pubblico e ai fedeli.

I vigili del fuoco di Fano, invece, sono dovuti intervenire per sistemare alcuni pannelli pericolanti in un albergo a Bellocchi e a rimuovere qualche pianta caduta in mezzo alla strada. In viale Ruggeri a Fano la strada è stata chiusa al traffico a causa della mareggiata.

Innevate le cime dei monti Catria, Nerone e Carpegna. Primi 10 cm di neve fresca sul Catria, dove le temperature sensibilmente scese nella notte, hanno abbassato la quota neve a 800 metri. Il vento ha soffiato con raffiche che hanno raggiunto i 90 km/h. Anche la croce che sovrasta il monte, questa mattina appariva completamente rivestita di galaverna (foto). I rifugi sono chiusi, riapriranno il 6 dicembre per il ponte dell’Immacolata.  Neve anche a Urbino.

IMG_2958

 

received_1223234681027464

received_1223234684360797

Condividi:

Rispondi