Il primo «vocabolario sociale» sulla violenza contro le donne

Il primo «vocabolario sociale» sulla violenza contro le donne

FANO – Memo, sabato 14 marzo alle ore 17.30 sarà presentato il libro di Chiara Cretella e Inma Mora Sánchez “Lessico familiare. Per un dizionario ragionato della violenza contro le donne”.
Lessico familiare è l’ultima uscita di Settenove, casa editrice nata nel 2013 dedicata alla prevenzione della discriminazione e della violenza di genere.
All’incontro interverranno le autrici Chiara Cretella, Inma Mora Sánchez e Carla Luzi, consigliera comunale Presidente della 3^ Commissione Consiliare (Servizi Sociali, Servizi Educativi, Politiche Giovanili).

Le parole violenza di genere o femminicidio ormai ci sono familiari. Ma sappiamo usarle nella maniera più appropriata? Quali sono le parole più corrette per descrivere la violenza contro le donne? Il libro di Chiara Cretella e Inma Mora Sánchez è il primo dizionario ragionato sulla violenza contro le donne.
Un libro rivolto non solo al grande pubblico ma anche a quello specialistico che si prefigge di mappare il vocabolario usato, le categorie di pensiero, i riferimenti teorici e culturali, i dati e le fonti nazionali e internazionali che riguardano il tema.
Uno strumento di lavoro utile a tutte le figure professionali che operano attorno a questo fenomeno e che costituisce un valido aiuto a chi voglia avvicinarsi allo studio di queste tematiche.
Lessico Familiare è uno strumento di partenza e di divulgazione, con le ultime statistiche disponibili su scala mondiale e nazionale, i riferimenti bibliografici più significativi, i rimandi alle definizioni correlate, le macro-aree di riferimento dei concetti, le definizioni europee e degli organismi internazionali, le legislazioni imprescindibili da conoscere e citare.

«Il libro, con le sue numerose voci, apre a una visione sul fenomeno, fa intravedere quanto il percorso trentennale dei movimenti delle donne e dei centri antiviolenza, abbia costruito un linguaggio ed un sapere dai quali oggi non si può più prescindere» Anna Pramstrhaler.

Chiara Cretella, assegnista di ricerca, fa parte del CSGE-Centro studi sul genere e l’educazione dell’Università di Bologna. Collabora con la Casa delle donne per non subire violenza di Bologna per cui ha ideato e realizzato sei edizioni del Festival La violenza illustrata. Tra le sue aree di ricerca, lo studio della violenza mediatica con particolare riferimento ai contesti educativi e l’evoluzione delle iconografie di genere nell’immaginario contemporaneo.
Inma Mora Sánchez, laureata in giornalismo presso l’Universitat de Valencia, ha lavorato in Spagna e Uruguay sui temi della violenza di genere. Dal 2011 collabora con il Gruppo femminicidio della Casa delle donne per non subire violenza di Bologna per cui si occupa della comunicazione online, che cura anche per D.i.Re-Donne in Rete contro la violenza.
Anna Pramstrhaler, ha scritto la prefazione del libro, è cofondatrice della Casa delle donne per non subire violenza di Bologna.

Per informazioni visita il sito della Mediateca Montanari – Memo www.sistemabibliotecariofano.it e della casa editrice Settenove www.settenove.it.

Condividi:

Rispondi