Fano conquista la Bandiera Blu anche nel 2104. Nelle Marche sono 17 (-1)

Fano conquista la Bandiera Blu anche nel 2104. Nelle Marche sono 17 (-1)

ROMA – Record di spiagge con mare cristallino per l’Italia quest’anno. Con nuovi 21 ingressi cresce a 269 il numero dei lidi doc e salgono a 140 i relativi Comuni (cinque in più dell’anno scorso) che potranno fregiarsi nel 2014  della Bandiera blu, il riconoscimento internazionale  della Fondazione per l’educazione ambientale (Fee) Italia assegnato oggi nella 28/a cerimonia di premiazione alla presenza  dei sindaci. A presentare la candidatura sono stati 163 Comuni.  La Liguria conferma il primato con venti località premiate mentre l’Abruzzo spicca per ‘maglia nera’ scendendo a quota  dieci perchè quattro località hanno perso il vessillo.  Seconda in classifica la  Toscana con 18 (conquista una  bandiera) che sorpassa le Marche con 17 (ne perde una). L’elenco  prosegue con l’Emilia Romagna che conquista una bandiera e sale a 9, la Campania conferma le 13 e anche la Puglia le 10 quello  scorso anno, il Veneto raggiunge 7 bandiere (+1) e il Lazio si piazza a pari merito (+2); Sardegna (-1) e Sicilia (+2) sono  rappresentate ciascuna da 6 località. Scendendo nella  graduatoria la Calabria è presente  quest’anno con 4 bandiere  (+1), il Molise conferma le 3, il Friuli Venezia Giulia le proprie 2 e la Basilicata una.  Sul totale di 140 Comuni, a fronte di dieci uscite sono 15 i  nuovi ingressi: Trebisacce (Cosenza), Gatteo  Forlì-Cesena),  Gaeta, Latina, Santo Stefano al Mare (Imperia), Pietra Ligure (Savona), Margherita di Savoia (Barletta-Andria-Trani), Pozzallo  (Ragusa), Marsala, Marciana Marina (Livorno), Chioggia (Venezia) e quattro località sui laghi in Trentino Calceranica al Lago  (Trento), Caldonazzo (Trento), Pergine Valsugana (Trento), Tenna (Trento).  E proprio i laghi quest’anno mostrano un incremento: un vessillo per la Lombardia, uno per il Piemonte (che ne perde uno) e 5 per il Trentino Alto Adige che appunto ne conquista  quattro. Premiati, infine, anche 62 approdi turistici per  qualita’ e quantita’ dei servizi erogati nella piena compatibilita’   ambientale.

MARCHE: Gabicce mare, Pesaro, Fano, Mondolfo-Marotta (Pesaro Urbino), Senigallia, Ancona-Portonovo, Sirolo, Numana (Ancona), Potenza Piceno-Porto Potenza Piceno, Civitanova Marche (Macerata), Porto Sant’Elpidio, Fermo-Lido Marina Palmese, Porto San Giorgio, Pedaso-Lungomare centro (Fermo); Cupra Marittima, Grottammare, San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno).

COMUNE DI FANO –  “Anche nel 2014, Fano conquista la Bandiera Blu per tutto il litorale e la Bandiera Blu degli Approdi Turistici per la Marina dei Cesari”. Con queste parole l’Assessore al Turismo, Maria Antonia Cucuzza, ha, con entusiasmo, comunicato l’assegnazione dell’ambito vessillo che premia le spiagge delle località balneari per qualità dell’acqua e della costa, per le misure di sicurezza e i servizi.

“Siamo naturalmente entusiasti per questo riconoscimento – ha dichiarato l’Assessore Cucuzza – e, con orgoglio, abbiamo partecipato alla cerimonia svoltasi questa mattina a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’assegnazione della Bandiera Blu, premia l’impegno profuso da tutta la città per regalare ai turisti vacanze di qualità. I requisiti richiesti sono sempre più stringenti; infatti, dobbiamo ricordare che “Bandiera Blu”, non significa solo acque perfettamente balenabili, ma significa anche qualità dei servizi offerti, attenzione all’accessibilità delle strutture turistiche, sostenibilità dei servizi offerti, vivibilità della città e tanto altro.

Nonostante le problematiche riscontrate all’Arzilla, il tempestivo intervento dell’Amministrazione comunale, degli Uffici Comunali – in particolare del funzionario dell’Ufficio Ambiente, Paolo Tabarretti, e del Direttore dell’Ufficio Turismo, Mauro Giampaoli – e di Aset Servizi, hanno permesso che la Bandiera Blu potesse sventolare su tutto il litorale, da nord a sud, senza alcun tipo di esclusione.

Ad essere premiata non è solo l’Amministrazione Comunale ma è il sistema turistico nel suo complesso composto da operatori turistici sensibili alle tematiche ambientali e sociali che, negli anni, hanno saputo adeguare le strutture ricettive alle esigenze di maggiore e migliore accoglienza del turista. Infatti, il riconoscimento assegnato dalla Fondazione per l’educazione ambientale (Fee), premia sì il mare bello e pulito, ma dà lustro e merito anche a tutta una serie di fattori che apportano valore aggiunto al territorio e alla qualità del turismo. A conferma dell’attenzione e della sensibilità dell’Amministrazione verso il tema della tutela dell’ambiente, ricordiamo che la nostra città è stata insignita anche della Bandiera Verde Eco-Schools, uno dei programmi internazionali della FEE per l’educazione, la gestione e la certificazione ambientale che premia la decisione delle scuole di intraprendere un percorso volto alla diffusione di comportamenti sostenibili per la salvaguardia ambientale.

Diciassette le bandiere blu assegnate quest’anno alle Marche per il mare pulito, le spiagge curate e i servizi: riconoscimento confermato anche per Senigallia, la ‘spiaggia di velluto’ che tenta di rialzarsi dai danni  dell’alluvione. “Un importante risultato – commenta il presidente della Regione e assessore al Turismo Gian Mario Spacca -, che ci pone ai primi posti in Italia, avanti a tante Regioni tradizionalmente blasonate”. E’ la conferma che la strategia turistica regionale ”ha colto nel segno, e che, pur nel rammarico per la perdita della Bandiera blu da parte di Porto Recanati, che siamo certi sarà riacquistata il prossimo anno, ci sprona ad andare avanti con rinnovato slancio sul piano della qualità dei servizi e del rispetto dell’ambiente”. Nella provincia di Ancona il vessillo va a Senigallia, Sirolo, Numana, Portonovo-Ancona; nella provincia di Ascoli
Piceno sono bandiere blu San Benedetto del Tronto, Cupra Marittima e Grottammare; in provincia di Fermo, Pedaso, Fermo-Lido, Porto Sant’Elpidio e Porto San Giorgio; nella provincia di Macerata, bandiere blu sono Potenza Picena-Porto Potenza Picena, Civitanova Marche; in provincia di Pesaro e Urbino, Mondolfo, Pesaro, Fano e Gabicce Mare.  ”Conservare la naturalità delle spiagge, promuovere le tradizioni e le eccellenze, curare i servizi, interpretare i bisogni dei turisti: una ricetta che ci ha premiati anche in termini di arrivi e presenze” ha aggiunto Spacca. Particolarmente soddisfatto per la conferma della Bandiera blu  per Senigallia. ”E’ la certezza che la stagione turistica nella spiaggia di velluto si inaugura nel segno della qualità e del successo”. Il 21 giugno, la Regione festeggerà le Marche in blu con tutti i Comuni insigniti del riconoscimento con eventi in contemporanea nei vari comuni.

PESARO – Soddisfazione del presidente della Provincia Matteo Ricci e dell’assessore provinciale al Turismo Renato Claudio Minardi per le 4 bandiere blu (Pesaro, Fano, Marotta – Mondolfo, Gabicce Mare) attribuite anche quest’anno dalla “Fondazione per l’educazione ambientale” alle spiagge del territorio provinciale. «Un ottimo risultato per la provincia di Pesaro e Urbino, che ha tutto il suo territorio costiero insignito della bandiera blu, a conferma della validità della strada che abbiamo intrapreso in questi anni puntando su un turismo di qualità, rispettoso della natura e dell’ambiente. La nostra strategia di promozione è basata proprio sulla valorizzazione del nostro potenziale. La bandiera blu rafforza l’immagine dei Comuni che la ricevono e di tutto il territorio, rappresentando una certificazione di qualità ed un valore in più per il turista che sceglie di trascorrere qui le proprie vacanze».

Spiaggia di Pesaro 2

spiaggia di Pesaro

Condividi:
  1. Sardegna 6 bandiere blu, Marche 17 , qualcosa non quadra.

    Rispondi
  2. È inutile avere la bandiera blu quando non si fa niente per attirare i turisti!

    Rispondi

Rispondi