Caso meningite, dopo 43 giorni di calvario Rosa è tornata a casa

Caso meningite, dopo 43 giorni di calvario Rosa è tornata a casa

SALTARA – E’ stata una Pasqua speciale quella di Rosa, la 12enne di Calcinelli ricoverata dal 20 febbraio scorso all’ospedale pediatrico “Salesi” di Ancona, inizialmente con una sospetta meningite da meningococco, alla quale è seguita la diagnosi di infiammazione del cervello (meningoencefalite), originata da uno streptococco. Dopo 43 giorni di calvario, la “bomberina” è tornata finalmente a casa. Il padre Giancarlo, venerdì 3 aprile, ha pubblicato un post nella sua pagina facebook per ringraziare tutti coloro che, in questo lungo periodo, si sono presi cura della piccola.

“Commossi e felici, vogliamo ringraziare i medici del Salesi che l’hanno curata (Osimani, Carloni, Boldrini, Siliquini, Santelli, Mora, Pizzi, ecc.); le infermiere del reparto Ivana, Barbara, Marilena, Imma, Antonella, Ornella e il caposala Marco… ma anche Michele, Jonatan e gli altri di Rianimazione; e TUTTI quelli che ci sono stati VICINI – in tanti modi diversi ma ugualmente importanti – in questo periodo così delicato e difficile. Un grandissimo abbraccio ad ognuno di voi, insieme ai più cari auguri di buona Pasqua!”.

“Bomberina siamo con te, non mollare” (FOTO) è stata invece la frase scritta dalle amiche di calcetto della 12enne. Le compagne di squadra avevano voluto dedicarle uno striscione, posizionandolo all’interno del Palazzetto dello Sport di Cuccurano “Lorenzo Biagioni”.

Condividi:

Rispondi