Bruxelles, c’è anche una scolaresca di Mondavio e i dipententi della Regione Marche . Stanno tutti bene – VIDEO

Bruxelles, c’è anche una scolaresca di Mondavio  e i dipententi della Regione Marche . Stanno tutti bene – VIDEO

“Stiamo tutti bene, siamo qui negli uffici e aspettiamo indicazioni della sicurezza su quello che dobbiamo fare”. Antonella Passarani, responsabile della delegazione della Regione Marche a Bruxelles, contattata telefonicamente dall’ANSA, si trova nella sede della Regione di Rond Point Schuman 14, non lontano da uno dei luoghi degli attentati terroristici che stamani hanno portato morte e terrore a Bruxelles. Con Antonella Passarani ci sono anche due stagisti marchigiani dell’Erasmus e anche loro “stanno bene”. Poco fa l’Unità di crisi della Farnesina ha raccomandato via Twitter ai connazionali presenti a Bruxelles di ”evitare spostamenti al momento”.

Nella foto: un minuto di silenzio nella sala consigliare a Ancona

consiglio

Il Consiglio regionale delle Marche ha osservato, in apertura di seduta, un minuto di silenzio per la vittime degli attentati di Bruxelles di stamane e anche per le studentesse dell’Erasmus morte nell’incidente stradale in Catalogna pochi giorni fa. A invitare l’aula al momento di raccoglimento è stato il presidente dell’Assemblea Antonio Mastrovincenzo.

***AGGIORNAMENTO DA BRUXELLES delle ore. 11.45***
“Siamo ancora chiusi in ufficio, hanno dato ordine di non muoversi”. Così Antonella Passarani, unica rappresentante della Regione Marche nelle sede di Bruxelles, contattata dalla redazione di Occhio alla Notizia. Passarani racconta di aver capito fin da subito che cosa stava accadendo: “Abbiamo sentito un’esplosione, le sirene e, proprio pochi secondi fa, pare sia esplosa un’altra bomba a Rue de la Roi. Per fortuna, noi siamo sani e salvi”.

***AGGIORNAMENTO delle ore. 12.40***
Paura anche per una scolaresca di 55 ragazzi della terza media con dieci insegnanti dell’istituto “Giò Pomodoro” di Mondavio, che si trovava a Bruxelles per una visita alla Commissione Europea. Gli alunni, sani e salvi, hanno proseguito il viaggio fino a Lussemburgo. Tra loro c’è anche il figlio del consigliere regionale del Pd Federico Talè: “Ho saputo degli attentati stamattina dalla Tv e ho subito chiamato mio figlio al cellulare. Lui non sapeva che cosa era successo e non ne erano al corrente neppure gli insegnanti”.

bruxelles-aeroporto

Le foto dell’aeroporto dopo l’esplosione.

*** AGGIORNAMENTO delle ore 15.00 ***

Con Antonella Passarani, unica rappresentante della Regione Marche nelle sede di Bruxelles, ci sono anche due stagisti marchigiani dell’Erasmus e anche loro “stanno bene”. Negli uffici di Ronde Point Schumann, condivisi anche da altre Regioni come Toscana, Umbria, Lazio, “non si sono sentite esplosioni, perché un ordigno è stato disinnescato”. “Le hanno sentite però i colleghi della Regione Molise – racconta la Passarani -, che hanno la sede vicino a Maelbeek” (dove c’è stato un’attentato alla metro). Negli uffici stanno seguendo l’evolversi della situazione via telefono e web, “aspettiamo le indicazioni della sicurezza – ribadisce la funzionaria della Regione Marche -, forse chiuderemo la sede oggi pomeriggio, o forse domani”. La Regione Marche ha in programma una missione a Bruxelles il 31 marzo.

aeroporto2

 

Condividi:
  1. Prossima gita scolastica in Siria ?

    Rispondi

Rispondi