A Fano c’è il Circo. Scattano le polemiche

A Fano c’è il Circo. Scattano le polemiche

FANO – Un altro circo che dà spettacolo con gli animali si sta installando nella nostra città: ma cosa c’è di divertente nell’assistere all’umiliazione e alla sofferenza di un animale nato per essere libero e costretto invece, con addestramenti duri e talvolta violenti, a trascorrere la vita in gabbie, trasportati continuamente da una città all’altra per essere esibiti in esercizi che sono contro la loro natura?
Cosa si insegna a un bambino, stupito dalla bellezza e dalla magia di un animale esotico, se non gli si consente di comprenderne l’essenza e gli si mostra invece una realtà falsa ed edulcorata, ove dietro a ridicoli giochi imposti ad esseri coerciti si cela una verità amara, fatta di conflitto anziché di conciliazione con la natura?
Il circo sarebbe uno spettacolo bellissimo senza questa anacronistica ottusità di continuare a sfruttare gli animali, meglio ancora se strani ed esotici, per indurre lo stupore negli spettatori.
Non sono abbastanza stupefacenti e meravigliosi i pagliacci, i contorsionisti, gli acrobati, i trapezisti, le luci e i colori del circo?

In Belgio, Colombia, Gran Bretagna e via via altri paesi il circo con gli animali è stato vietato. In Italia, a causa della forte pressione lobbistica di alcune famiglie di circensi, vige ancora una legge datata che considera i circhi con gli animali come una prerogativa da salvaguardare, accordando loro migliaia e migliaia di euro di contributi pagati da cittadini spesso contrari a questa attività.
A nulla sono valsi i tentativi di città coraggiose come Bologna, Ferrara, Alessandria e la vicina Senigallia che hanno adottato ordinanze per vietare ai circhi che usano gli animali di attendarsi sul loro territorio: la legge dello stato impone loro l’obbligo di accettarli e i TAR bocciano ogni tentativo di superarla.

Da diverse legislature il gruppo interparlamentare animalista cerca di modificare la norma, ma a tutt’oggi gli interessi legati ai finanziamenti evidentemente sono più forti della civiltà e dell’educazione dei nostri figli.
Laddove lo Stato non salvaguarda i più deboli, i cittadini possono inviargli un messaggio dimostrando di essere più consapevoli, insegnando ai bambini e alle bambine ad amare la natura e la libertà, per se stessi e per tutti gli esseri viventi. Unendomi alle proteste giunte da cittadini e cittadine indignati, propongo che il Comune di Fano adotti ogni legittimo atto per garantire il benessere degli animali al seguito del circo e promuova idonei controlli da parte del Servizio Veterinario dell’ASUR, del Corpo Forestale dello Stato e delle Guardie Zoofile.

Carla Luzi
Consigliera di Sinistra Unita

Condividi:
  1. Errore grammaticale righe 6 e 9: “un animale … trasportati”.

    Rispondi
  2. il vero Circo ,quello istruttivo e divertente è quello in cui gli”umani” fanno acrobazie ,giochi ,attrazioni , comicità che derivano da talento ,sacrificio ,esercitazione .. basti pensare al circo du solei ..ma qui gente che evidentemente non sa fare nulla ,né vuole fare nulla ,preferisce far lavorare a suon di frustate dei poveri animali ,tolti dal loro habitat ,costretti a vivere in gabbia ,viaggiare in continuazione ,legati con catene e addestrati a frustate e calmanti ..perché i grandi eroi non entrerebbero in una gabbia di un leone nel pieno delle sue facoltà !! il circo è crudeltà ,umiliazione e portarci i bambini è assurdo e non educativo ..eppure tanti lo faranno ..perché ancora l’analfabetismo e l’ insensibilità sono padrone nella nostra società e in questa povera città alla deriva etica

    Rispondi
  3. andate su internet e cercate circo e addestramento guardate come vengono addestrati ..ho visto una “donna”prendere a schiaffoni e cinghiate una scimmietta che non voleva fare certi esercizi ..è stato straziante

    Rispondi
  4. il circo con gli animali è triste e butto. mai il dolore altrui può essere uno spettacolo. vergogna a chi ha permesso a questo circo di fermarsi a Fano

    Rispondi
  5. …io, oltre all’importantissimo aspetto “educativo/animalista”, aggiungo anche quello dei furti ! ..che amunetano ogni volta che a Fano arriva il circo (o peggio ancora, il lunapark !)
    Smettetela di permettere a queste persone di “lavorare” a Fano!!!

    Rispondi
  6. Cara Daniela,
    ci scommeto una cosa che Te a casa non sei trattata come quegli animali che ieri sera si sono esibiti per la prima volta a Fano… Prima cosa al circo si sono esibiti per la maggior parte artisti che guarda caso il piu’ piccolo ha 6 anni ed ha vinto assieme al fratello il campionato del mondo dei circensi a Montecarlo….. la gabbia delle Moto con tre spericolati dentro una palla di ferro si incrociavano a velocità folle..trapezisti con ragazzetti di 8/10 anni preparati ad affrontare il triplo salto mortale….. e poi gli animali dai cavalli ai cammelli …passando per lama struzzi e ippopotamo giraffa etc… l’unica gabbia è stata messa per le tigri e credimi non erano rincoglionite e malnutrite come voi animalari possiate pensare ….. in piu’ si poteva visitare la location dove gli animali stanno durante il giorno e credimi la gabbia era sempre e solo per le tigri gli altri animali hanno quattro paletti e una cordicella di delimitazione ..e i bambini e grandi a visitare erano tutti belli contenti nel vedere questi animali dal vivo… A Fano ci sono troppi animalari che pensano come passare le giornate a rompere le palle alla gente , ma Fano piu’ che queste pesone ha bisogno di risolvere altri problemi e di problemi come in tutto il Nostro Paese ne esistono davvero tanti e non queste inutili puttanate come del resto sono gli animalari…..

    Rispondi
    • non mi chiamare cara Daniela ..non ho neppure finito di leggere la tua lettera non mi interessa… il circo con animali è crudeltà e vergogna ..e sai quanti esseri cosidetti umani rompono le balle? ma tanti tanti tanti

      Rispondi

Rispondi