Vasca di accumulo: lavori notturni alla foce del torrente Arzilla

0
436

FANO – Sono iniziati stanotte, ed è previsto che si concludano oggi i lavori per costruire la fondazione in cemento armato della vasca di accumulo alla foce del torrente Arzilla, a Fano. «Voglio ringraziare i residenti – ha detto stamane il presidente di Aset spa, Paolo Reginelli – per la pazienza e la comprensione rispetto ai disagi che possono essere stati causati nelle ore del sonno. Ringrazio inoltre i volontari della protezione civile, che hanno fornito la loro assistenza al traffico delle autobetoniere all’incrocio fra via del Moletto e la statale Adriatica. E ringrazio le imprese impegnate nel cantiere e le relative maestranze, che hanno eseguito un lavoro davvero ottimo. Nonostante l’elevata complessità dell’opera, tutto è filato per il verso giusto».
Per realizzare la fondazione della vasca è stata quantificata una necessità di calcestruzzo per oltre 1.000 metri cubi. Previsti circa 100 viaggi complessivi impiegando 10 diverse autobetoniere, impegnate a fare la spola nell’arco di 12 ore a partire dalle 23 di ieri. Questo è il tempo richiesto da un intervento da completare senza interruzioni, a ciclo continuo. L’area del cantiere è stata illuminata a giorno da torri faro.
«Un’opera senz’altro impegnativa – ha concluso il presidente Reginelli – che abbiamo preferito realizzare di notte, dopo avere ottenuto tutte le autorizzazioni del caso, per evitare disagi al traffico sia dei veicoli sulla statale Adriatica sia dei mezzi del cantiere».
Una volta completata, la vasca di accumulo alla foce dell’Arzilla potrà contenere 1.600 metri cubi di acque reflue, raccogliendole quando gli scolmatori della zona entreranno in funzione in caso di piogge più forti del solito, per poi riversarle al depuratore. Sarà quindi preservato l’ambiente marino e sarà migliorata la balneabilità estiva, con grande vantaggio per l’offerta turistica fanese.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here