Trasferimento immobili a Mondolfo, Garbatini: “Garantire i servizi ai residenti fanesi”

0
962

FANO – “Questa giunta sta amministrando la città senza una visione del futuro, limitandosi a fare operazioni puntuali, mettendo toppe che spesso si rivelano peggio del buco. Nel particolare del distacco della frazione Marotta dal Comune di Fano, incorporata nel Comune di Mondolfo, i comuni hanno concordato una convenzione per definire la procedura e la disciplina dei rapporti patrimoniali ed economici finanziari che dovrà essere approvata nel prossimo consiglio comunale.

La proposta di delibera definisce solamente il passaggio delle proprietà che il Comune di Fano cederà a quello di Mondolfo, nel particolare dei beni demaniali e del patrimonio disponibile perché legati ad un servizio.

Nel particolare la convenzione prevede il passaggio delle strutture sportive di via Martini: palestra, campo comunale e campi da tennis e delle strutture scolastiche dell’infanzia di via Dalmazia e di via Fantini in via Corfù, rimangono invece ancora da convenzionare i beni disponibili, perché lasciati alla scelta del commissario, come la scuola di via Damiano Chiesa e le porzioni di fabbricato in via Martini dove sono presenti il centro civico, i servizi distaccati dell’ufficio anagrafe, della polizia municipale e la farmacia.

Questa convenzione preannuncia di fatto come a questa amministrazione non interessa le sorti della porzione del territorio a sud del Metauro, perché nel cedere gli unici immobili e servizi che il Comune di Fano aveva costruito per questa parte di territorio, non ha garantito nella convenzione l’utilizzo dei servizi scolasti ai residenti e degli immobili alle associazioni sportive aventi sede nel comune di Fano.

In questo modo i bambini e le associazioni sportive già dal prossimo anno potrebbero vedersi tolta la possibilità di utilizzare quelle strutture e servizi, lasciando la sola scelta al Comune di Mondolfo che a quel punto potrebbe per assurdo decidere di farne usufruire o agevolarne l’utilizzo alle sole associazioni e residenti del loro Comune.

Questa giunta, non ha solo il compito di fare cassa con l’aumento delle tasse, la promozione delle multe, la richiesta del cinque per mille, il prelevamento degli utili e fondo di riserva delle società partecipate ed il tagliando dei servizi, ma ha il principale compito di garantire i servizi in modo uniforme su tutto il territorio, altrimenti ci ritroveremo tra poco a fare i conti con la frazione di Ponte Sasso che vorrà passare sotto il Comune di Mondolfo, perché così potranno anche loro usufruire delle strutture e servizi in modo agevole nel proprio comune.

Chiediamo pertanto che questa amministrazione promuova con il Comune di Mondolfo una convenzione per l’utilizzo delle strutture e servizi oggetto del distacco, affinché al territorio a sud del Metauro venga garantito l’utilizzo delle strutture e dei servizi oggetto di trasferimento per almeno 5 anni, in attesa che questa giunta smetta di fare studi e tavoli senza ed inizi ad essere intraprendente per avere una visione organica per il futuro di questa città”.

.

Aramis Garbatini – Capogruppo Progetto Fano

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here