Tentata estorsione alla Profilglass, parla l’avvocato della famiglia Paci

Tentata estorsione alla Profilglass, parla l’avvocato della famiglia Paci

FANO – La vicenda della tentata estorsione ai danni della Profilglass di Fano, azienda leader nel mondo per la lavorazione dell’alluminio, che ha portato all’arresto di due dipendenti di origine campana. Oggi è intervenuto il legale della famiglia Paci, l’avvocato Marco Cassiani.  L’azienda – scrive il legale – non temeva né un’estorsione a mezzo stampa né la minaccia rappresentata dalla Gabanelli, la conduttrice di Report alla quale i due avevano detto di volersi rivolgere per denunciare le condizioni di lavoro all’interno della fabbrica. Bensì il fatto di “compromettere ingiustamente l’immagine di fronte agli importanti partners con i quali l’azienda opera in un contesto di delicati e complessi equilibri internazionali diffondendo notizie false e calunniose.”

Il colloquio tra i due dipendenti e il titolare è stato registrato e consegnato ai carabinieri. “Il dialogo conteneva tutta una serie di allusioni estorsive che hanno indotto il Sig. Paci a denunciare i fatti all’Autorità competente. Gli inquirenti hanno esaminato il materiale e disposto autonome intercettazioni e, sempre in piena autonomia, hanno deciso quali provvedimenti assumere.”
Lo stesso sostituto procuratore Narbone, dopo aver ascoltato il materiale audio ha aperto un fascicolo penale e fatto arrestare in flagranza di reato i due napoletani.

Poi l’avvocato Cassiani fa un’ultima considerazione in merito ai segreti inconfessabili sulla Profilglass di Ottieri e Amato: “E’ assolutamente evidente che, se davvero le notizie compromettenti che i due estorsori minacciavano di diffondere fossero state fondate, Paci si sarebbe ben guardato dal depositare una denuncia, ben sapendo che il materiale sarebbe stato acquisito non tanto dai giornali quanto invece dalle Autorità competenti, che non avrebbero tardato un attimo a sanzionare eventuali irregolarità effettivamente riscontrate e a perseguirlo penalmente.”

Condividi:

Rispondi