Sergio Carboni, l’eterno ragazzino della pubblicità compie 80 anni – VIDEO

0
1308

FANO – Figlio del famoso Mimmo l’erborista e conosciutissimo nella provincia per essere stato a Fano il primo pubblicitario e fondatore della Pubblicità Carboni più sessant’anni fa, a breve spegnerà la sua ottantesima candelina. Pubblicitario, professore di artistica, pittore e ciclo amatore queste alcune delle qualità di Sergio Carboni uno dei personaggi più conosciuti della città.

Tante le imprese che lo hanno reso famoso in tutto il mondo come aver dipinto Papa Giovanni, Obama e Fidel Castro; opere consegnate ai soggetti interessati con tanto di riconoscimenti. Una forte ammirazione dell’artista per le istituzioni militari per le quali negli anni ha realizzato opere come ad esempio la Virgo Fidelis per l’arma dei Carabinieri in occasione dei 200 anni dalla fondazione, San Matteo per il 243’ anniversario della Guardia di Finanza, un acquarello per la Polizia di stato e per le Capitanerie di porto in occasione del 150’ anniversario.

Un instancabile artista amante della sua Fano e amico di tutti che tuttora non si fa problemi nel frequentare ragazzi di vent’anni, tant’è che i figli Daniele e Filippo Carboni continuano a coinvolgerlo in tutti gli eventi da loro organizzati.

Dice Sergio ironicamente “si esco con i miei figli e li riporto a casa. Scherzi a parte una delle mie più grandi soddisfazioni è vedere che entrambi i figli abbiano continuato la mia professione e siano riusciti a sfruttare la pubblicità e la comunicazione a 360 gradi diversificando il tutto sino ad organizzare eventi, aprire locali e quant’altro. Ovviamente ai miei tempi il concetto di pubblicità era poco più di una insegna o un cartellone ora l’azienda lavora in tutto il mondo seppur sempre legatissima e vicina al territorio provinciale. Il mio sogno è senza dubbio che tutti i miei familiari di generazione in generazione seguano uniti in famiglia questo mestiere. Siamo una famiglia molto molto legata e di sicuro il sogno è già realtà”.

Sergio ricorda inoltre con piacere la sorella Lorenza, stimata insegnante, scomparsa anni fa e suo fratello minore Luciano con il quale ha un profondo legame. Alla domanda Sergio come sei arrivato così in salute e con aspetto giovanile a ottant’anni?

“Si in effetti mi scambiano per sessantenne. In primis dipende dal Padre Eterno, è lui che decide. Poi da parte mia ho sempre fatto abbastanza sport, mangiato sano, non ho mai provato invidia ne rancore per nessuno, mi sono sempre accontentato nella vita e soprattutto sto sempre con i giovani che sono il nostro futuro, poi appena posso me ne vado sempre a Cuba con mia moglie dove abbiamo famigliari e tanti amici”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here