Senigallia, gli auguri del sindaco Mangialardi alla città: “Insieme ce la faremo”

0
128

SENIGALLIA – Il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi ha scritto una lettera ai suoi concittadini, in occasione delle festività pasquali:

“Care Concittadine, cari Concittadini,
credo che fino a poche settimane fa nessuno di noi avrebbe mai immaginato di trascorrere le festività pasquali, sempre così foriere delle più belle speranze umane, nelle condizioni venutesi a determinare a causa dell’epidemia di Covid-19, che così tanta sofferenza ha portato anche nella nostra comunità.
Dopo il dolore e i lutti che hanno segnato ciascuno di noi, oggi proviamo a trovare un qualche conforto nei dati che sembrerebbero indicare finalmente una generale inversione di tendenza dei contagi, e quindi l’inizio di un cammino verso il ritorno alla normalità.
È per questo che quest’anno ho deciso di rivolgervi il mio augurio di buona Pasqua ringraziando per conto di tutta la città loro, i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari e tutti i volontari che dalla fine di febbraio sono rimasti e continuano a rimanere in prima linea contro il contagio, prendendosi cura con umanità, abnegazione e profondo senso del dovere di quanti hanno avuto la sfortuna di ammalarsi.
Da questo loro impegno sgorga oggi un messaggio di grande speranza per tutti noi, che pur nelle difficoltà che verranno, ci consente guardare con ottimismo al nostro futuro e ci rende orgogliosi del nostro ospedale, la cui classificazione di struttura Covid positivo ha permesso di salvare tante vite, anche provenienti da territori limitrofi.
La grande professionalità dimostrata dal personale, la sua totale disponibilità ad adattarsi in tempi rapidi ad alcuni rapidi mutamenti organizzativi e la capacità di garantire le prestazioni previste, ribadiscono, qualora ce ne fosse bisogno, che l’ospedale di Senigallia è oggi, e lo sarà anche domani, un polo d’eccellenza, nell’emergenza come nella quotidianità.
Ma c’è anche un altro importante motivo per volgere uno sguardo positivo al futuro, ed è l’enorme cuore che ancora una volta Senigallia ha saputo tirar fuori e gettare oltre l’ostacolo. Tante, tantissime sono state le iniziative a scopo benefico volte a sostenere la parte più debole della popolazione e quella messa in difficoltà dalle restrizioni varate dal governo per combattere l’epidemia.
Protagoniste sono state le nostre belle realtà cittadine del volontariato, dalla Caritas al Croce Rossa Italiana, dal Rotaract al Rotary, fino ai Medici senza Frontiere e all’ampio arcipelago di associazioni inserite nel nostro sistema di Protezione civile, oltre a moltissimi cittadini e imprenditori che non hanno fatto mancare il loro concreto contributo economico.
Del resto non è certo un caso che sia nato proprio a Senigallia il primo Covid Hotel, per il quale voglio ringraziare i promotori, che avrà la funzione di ospitare gratuitamente pazienti autosufficienti, convalescenti o dichiarati asintomatici, che sono stati dimessi dal nosocomio cittadino. Il progetto, come la struttura Covid che la Regione Marche sta realizzando a Civitanova Marche, darà un contributo fondamentale, già a partire dalla prossima settimana, all’allentamento della pressione sull’ospedale e al ripristino degli spazi e delle funzioni rimodulati durante l’emergenza.
Sappiamo che nel prossimo futuro la strada da percorrere per risalire sarà faticosa e irta di ostacoli, ma in questi giorni ho avuto conferma che la coesione sociale è un bene prezioso, gelosamente custodito nei nostri cuori. Per questo gli auguri che voglio porvi non sono solo una speranza, ma la certezza che, come sempre, insieme ce la faremo e riusciremo a superare anche questo brutto periodo.
Buona Pasqua”.
Maurizio Mangialardi
Sindaco di Senigallia

Rispondi