Ricercato per omissione di soccorso, 23enne si presenta in Commissariato – VIDEO

2
4570

FANO – Sempre più frequentemente si registrano fatti di cronaca riconducibili a fughe dopo aver causato incidenti stradali.
Nella nostra provincia e, più precisamente in A 14 tra Fano e Marotta, venerdì 20 marzo verso le 13, il conducente di una autovettura Porsche di colore nero, che procedeva in direzione sud, nell’effettuare una manovra di sorpasso a destra di una Mini con quattro persone a bordo, urtava quest’ultima nello spigolo posteriore destro. A seguito dell’urto la Mini carambolava contro il guardrail di destra, andando in testacoda e un occupante del veicolo veniva proiettato fuori dal mezzo finendo in corsia di marcia.
Con grande prontezza il conducente riusciva poi a raggiungere la piazzola di sosta, a circa 40 metri dal punto d’urto, e soccorrere il ferito in corsia di marcia e trascinarlo a bordo strada.
Subito venivano allertati i soccorsi e la Polizia Stradale dell’Adl di Fano.
I quattro occupanti della vettura, ventenni della provincia di Ancona, venivano trasportati per le cure del caso all’ospedale di Fano, dove si riscontravano ferite guaribili dai 10 ai 15 giorni. Il più grave, cioè R.S. sbalzato dal mezzo, rimaneva trattenuto all’ospedale in osservazione ma non in pericolo di vita.
La Polizia subito acquisiva testimonianze e informazioni circa il veicolo che si era dato alla fuga, diramando immediatamente le ricerche in tutta la regione.
Il conducente della Porsche, che aveva causato il sinistro, di 23 anni e anch’esso della provincia di Ancona, che non si era fermato a prestare soccorso, si presentava spontaneamente al Commissariato P.S. di Senigallia. Successivamente anche personale della Polizia Stradale di Fano si portava presso quell’ufficio e procedeva alla denuncia del giovane per fuga ed omessa assistenza a seguito di incidente con feriti.

2 COMMENTS

  1. La prima cosa da fare…prendergli la patente e bruciarla ….la seconda un mese di reclusione con i delinquenti comuni….. terza… mandarlo a piedi per tutta la vita…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here