Quali istituti scegliere? Approfondimento su Fano TV con i dirigenti degli istituti fanesi

0
113

FANO – Scelte frettolose dovute alla poca conoscenza. Condizionamenti di amici o famigliari. Talenti che emergono solo successivamente. Sono queste le principali cause che ogni anno nella provincia di Pesaro-Urbino portano circa 8mila studenti ad abbandonare o cambiare scuola dopo il secondo anno delle superiori, da quando frequentarla non è più obbligatorio per legge.

Per far fronte a questo “esodo”, già da qualche anno è attivo nel Comune di Fano un Tavolo di Orientamento cittadino composto da amministrazione, scuole medie, istituti superiori e Informagiovani che ha il compito di mettere in atto quelle buone pratiche per consentire agli studenti di scegliere con consapevolezza e autonomia il proprio futuro.

Confronto che solitamente prevede anche l’ingresso nelle strutture scolastiche per poter toccare con mano e respirare l’ambiente che potrebbe poi determinare i successivi cinque anni di vita formativa dello studente. Purtroppo, a causa della pandemia, questo confronto in presenza quest’anno non sarà possibile ma il Comune, tramite l’Assessorato Nuove Generazioni di Barbara Brunori, si sta adoperando per sopperire a questa nuova problematica e permettere ai giovani di poter comunque fare una scelta consapevole.

Per questo motivo, l’amministrazione ha promosso un momento informativo di approfondimento in programma venerdì 11 dicembre sul canale 17 del digitale terrestre (Fano Tv) dove, Eleonora Augello, dirigente Polo 3, Renata Falcomer, dirigente Liceo Scientifico Torelli, Roberto Giorgi direttore del Don Orione e Samuele Giombi, dirigente Liceo Nolfi Apolloni, spiegheranno le peculiarità e le caratteristiche dei propri istituti.

“Quest’idea è il frutto di una serie di riunioni e confronti con i dirigenti scolastici – ha commentato l’assessora Nuove Generazioni, Barbara Brunori -. Vogliamo dare ai giovani della nostra città gli strumenti giusti per effettuare quella che dovrà essere la scelta più vicina alle loro attitudini, la scelta più giusta per progettare il loro futuro. Una decisione molto importante che spesso viene effettuata solo per seguire l’amico e senza aver considerato tutte le varie opzioni e possibilità.

Ci rendiamo conto che quest’anno sia ancora più difficile ma in questo modo cerchiamo di rendere il passaggio dalle medie alle superiori il più chiaro possibile per tutti”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here