Puliamo il Mondo a Mombaroccio

8
1283

MOMBAROCCIO  – Riconfermato anche quest’anno l’appuntamento nel Comune di Mombaroccio (PU) con l’iniziativa di Legambiente “Puliamo il mondo” per sabato 15 e domenica 16 ottobre 2016 grazie alle associazioni del territorio Memoria (Onlus) e Comitato per la difesa dei diritti dei cittadini e la salvaguardia del territorio (Onlus). L’intento è sempre volto a sensibilizzare i cittadini, in particolare le nuove generazioni, ai temi dell’ecologia e al rispetto dell’ambiente. Per questo, le inziative in programma prevedono ancora una volta il coinvolgimento degli alunni della scuola. La manifestazione è organizzata con la collaborazione del Comune di Mombaroccio, Legambiente, Marche Multiservizi, dell’Istituto scolastico “L.Pirandello” e del santuario del Beato Sante.

Il programma prevede sabato 15 ottobre un incontro con la scuola primaria di Mombaroccio sul tema dell’educazione ambientale e la gestione dei rifiuti, tenuto da esperti del settore. Nel pomeriggio di domenica 16 ottobre, a partire dalle ore 14.30, si svolge la giornata di pulizia presso il bosco del Beato Sante, lungo il sentiero degli Scotani. Saranno presenti dei divulgatori ambientali che forniranno informazioni anche sulla raccolta differenziata. Sul posto è, poi, visitabile la mostra degli elaborati artistici realizzati dagli alunni della scuola. La giornata si conclude con una degustazione di prodotti tipici nei locali del santuario.

Per l’attività di raccolta, viene distribuito il kit per la pulizia di Legambiente; è necessario di munirsi di scarpe adeguate. Per informazioni: ass. Memoria 347.9227256, Comitato per la difesa dei diritti dei cittadini 340.0846295 oppure email puliziadelbosco@gmail.com.

Il Segretario Generale Fp Cisl Marche
Luca Talevi

puliamo-il-mondo-2015_4

puliamo-il-mondo-2015_3

8 COMMENTS

  1. non fatemelo ripetere, per insegnare ai bambini l’importanza dell’ambiente pulito, e dell’igiene in generale, basterebbe fargli pulire la loro stanza, e portare fuori la spazzatura di casa, sembra una banalità, ma non lo è, dato che nella maggioranza dei casi, quando eravamo piccoli noi, non lo facevamo! questo è solo sfruttamento minorile, per avere un po’ di lavoro gratuito da parte dei cittadini, solo perchè il comune non ha voglia di sganciare un po’ di soldi, per stipendiare qualche spazzino!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here