Profughi, Carla Luzi (SU): “Dobbiamo aiutare, ascoltare e interagire con loro. Non seminare odio”

1
1294

FANO – “Leggendo la stampa nazionale e quella locale sembra che i profughi stiano arrivando tutti “a casa nostra”: è solo propaganda, una propaganda alimentata da chi tende a strumentalizzare un noi e un loro, da chi cerca consenso “sfruttando” gli ultimi tra gli ultimi, usando anche la crisi come alibi.
Negli ultimi mesi 3 milioni e 800 mila persone sono fuggite dalla Siria, di queste circa il 95% sono ospitate in Iraq, Giordania, Egitto, Libano e Turchia, meno del 5% sono arrivati sulle nostre coste e sono uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra. Chi fugge da fame, guerra e povertà può rivolgersi solo ai trafficanti, chi cerca protezione e sicurezza è lasciato in mano ai suoi stessi persecutori. Sarebbe indispensabile aprire dei canali umanitari: in questo momento i conflitti aumentano e con essi le persone in fuga in cerca di protezione e sicurezza, perseverare nelle politiche di chiusura equivale ad alimentare un vero e proprio mercato illegale di esseri umani.”

“Nel nostro paese dal gennaio all’ottobre dello scorso anno sono arrivati 22.000 minori stranieri, di cui 12.000 non accompagnati, i più vulnerabili tra i vulnerabili, eppure sono più di 20 anni che le politica italiana affronta il fenomeno immigrazione con parole come emergenza, ondate, violenza, criminalità, casa loro e casa nostra.Abbiamo permesso che il mare Mediterraneo diventasse un mare di morte, mi spaventa questa disumanità che non riconosce nell’altro un essere umano. Ci sono però funzionari pubblici, marinai, operatori umanitari, associazioni e forze politiche come la nostra che credono nella necessità dell’accoglienza e nei diritti umani per tutti e tutte.”

“Dobbiamo ampliare i nostri interventi e non seminare odio e intolleranza, dobbiamo aiutare, ascoltare, interagire con coloro che chiedono un rifugio o sono solo in transito, non renderli invisibili.
Nella nostra Fano solo una visione distorta della realtà può vedere i pochi ragazzi provenienti da vari paesi dell’Africa e dell’Asia e accolti in una struttura del Lido come una criticità; siamo e siamo stati una comunità accogliente, generosa. Chi potrebbe pensare che se i profughi rimanessero più a lungo al Plaza, Fano solidale farebbe brutta figura davanti ai turisti? Oppure che le 40 persone siano sporche, o chiassose, o malviventi? Perché non possono convivere con noi e con i turisti? Mi preoccuperei invece di quei balordi che continuano a danneggiare le cose comuni per divertimento, come è successo recentemente al centro commerciale di S. Lazzaro che è stato messo a soqquadro. Questi sì che sono un problema per una città turistica, come lo sono gli automobilisti maleducati che parcheggiano davanti all’uscio dei residenti della zona mare, oppure i ragazzi che al lido si riempiono di birra e arrivano al vandalismo e addirittura alla violenza, come è successo in occasione di una “italianissima” notte bianca.”

“Faccio presente che a Lampedusa, che è un’isola magnifica dedita al turismo, nonostante le migliaia di sbarchi e le decine di carrette del mare abbandonate sulle spiagge, gli abitanti e la loro sindaca parlano ancora di solidarietà. E noi, per quaranta profughi, che non sono i quaranta ladroni, alziamo tutta questa polvere?
La realtà è complessa e c’è molto lavoro da fare e non possiamo che ripartire da noi stessi e dalla nostra storia, ricordando quanto scritto da Etty Hillesum: “convinciamoci che ogni atomo di odio che aggiungiamo al mondo lo rende ancora più inospitale” (Dal Diario 1941-1943 di Etty Hillesum).”

Carla Luzi – Consigliera Comunale di Sinistra Unita

1 COMMENT

  1. E la vostra politica che semina odio, siete voi razzisti al contrario, si danno 34 euro al giorno per mantenere queste persone, e niente per le centinaia di giovani padri fanesi che han perso il lavoro e non possono pagar neanche più l’affitto di casa .Non è demagogia ,se vuole li porto da lei quando vuole! Loro giustamente scappano da fame povertà e guerra, a noi manca solo la terza, non sarebbe giusto aiutare anche quest’altre persone? Magari non con 34 euro che spendiamo per i profughi ma almeno con 2/3(visto che a noi manca ancora la guerra) dei 34 euro, già sarebbe semplicemente più equo e giusto nei confronti di tutti gli “esseri umani” anche se non neri e venuti con i barconi. Nessuno dice prima gli italiani ma diciamo solo ci son PURE gli Italiani, ed e normale che diventino non razzisti ma incazzati se chi dovrebbe sistemar la situazione guarda con amore chi vien da lontano , scappa dalla guerra , ma non vede il suo vicino di pianerottolo che non ha più l’energia elettrica perché non ha più soldi per pagare la bollette. Se stessimo bene tutti daremo loro 100 euro al giorno altro che 34 il fatto e che non li abbiamo, svegliatevi dal vostro mondo dorato e venite un pò giù tra i comuni mortali a veder la vera vita ò

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here