Pesaro-Monteciccardo, Biancani: «Regione accoglie richiesta, fusione operativa dal 1° luglio»

0
48

PESARO – «La Regione ha autorizzato la fusione di Monteciccardo con Pesaro già dal 1° luglio». Lo comunica il consigliere regionale Andrea Biancani (Pd), riferendosi ad una delibera approvata oggi dalla Giunta regionale. Il provvedimento accoglie le richieste di entrambe le amministrazioni che, in base a quanto previsto da un articolo della legge sulla loro fusione approvata a marzo, hanno chiesto con deliberazioni di far decorrere l’incorporazione dal 1° luglio. «Il presidente Ceriscioli – spiega Biancani – ha voluto approvare questo atto nel corso della prima riunione di Giunta utile. La delibera riconosce che il processo di fusione e incorporazione è complesso, perché comporta molteplici modifiche nell’assetto organizzativo, del patrimonio e delle risorse finanziare, e la decorrenza tra due settimane, piuttosto che nel 2021, consente di facilitare il percorso di integrazione istituzionale». L’iter legislativo si è avviato dopo l’esito favorevole del referendum dello scorso 19 gennaio, con l’82% di SI alla fusione registrato a Pesaro e il 79% a Monteciccardo. Il via libera alla legge è arrivato dall’Aula consiliare il 3 marzo e tra gli articoli era prevista la possibilità di richiedere una decorrenza anteriore al 1° gennaio 2021, da autorizzare con delibera di Giunta. Con l’incorporazione il Comune di Pesaro subentra nella titolarità delle posizioni e dei rapporti giuridici, in particolare per beni demaniali, patrimoniali e personale. «La conclusione di questo percorso in tempi così rapidi è una notizia molto positiva – commenta Biancani –, dimostra che si tratta di un processo di fusione condiviso dalla popolazione e da tutte le istituzioni. Lo Stato e la Regione prevedono diversi incentivi per le fusioni perché sono strumenti utili per migliorare l’efficienza e l’efficacia degli enti locali. Sarà possibile usufruire di deroghe ai vincoli finanziari e amministrativi e soprattutto accedere per dieci anni a contributi economici nazionali e regionali che potranno essere investiti nei servizi ai cittadini sul territorio. Come Regione vogliamo sostenere e promuovere questi percorsi e ci impegneremo affinché questa rapidità legislativa diventi una costante in tutti i processi di fusione».

Andrea Biancani, consigliere regionale (Pd)

Rispondi