Pesaro, finanziamenti comunitari e nazionali: nel 2020 il Comune chiude con un +2,3 milioni

0
1

PESARO – Fotografa «un bilancio straordinario» il resoconto dei finanziamenti comunitari e nazionali ottenuti nel 2020 dal Comune di Pesaro. «È stato un anno particolare, in cui gran parte dei nostri competitor ha allentato la progettazione a causa della pandemia» sottolinea Daniele Vimini, vicesindaco con delega alla Ricerca di finanziamenti nazionali e comunitari, rimarcando che «per Pesaro l’approccio è stato diverso. I nostri uffici hanno continuato a lavorare a pieno ritmo ideando progetti e conquistando importanti somme utili per costruire la città di domani». 

 

Sono in totale 2.320.000 € i contributi nazionali e comunitari arrivati nelle casse comunali: «Una cifra che ci permette di guardare al futuro con ottimismo, di mettere in cantiere numerosi progetti e di entrare nella lista dei “top player” dei partner istituzionali» aggiunge Vimini. 

 

Tra gli interventi più importanti finanziati dall’Europa c’è “Big Band”, macroprogetto da 480mila euro che prevede corsi di alta formazione nel settore culturale e digitale destinati ai professionisti del settore. Valore aggiunto: Pesaro è l’unico comune della regione ad essere accreditato alla formazione. 

 

Ideato per contrastare il fenomeno del bullismo attraverso i valori educativi dello sport è invece “RughBull”, che ha ottenuto 374mila euro dal fondo europeo “Erasmus Plus”. «Pesaro accoglierà eventi sportivi e un torneo conclusivo di rugby – ha spiegato l’assessore al Benessere Mila Della Dora -. Il progetto prevede anche momenti di formazione e sensibilizzazione nelle scuole che coinvolgeranno anche psicologi e psicoterapeuti (tra i membri del Comitato scientifico), fondamentali per contrastare un fenomeno emergente». Obiettivo «incentivare l’attività sportiva come forma di contrasto al bullismo». 

 

Faciliterà l’accoglienza dei migranti il Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (FAMI) del Comune. Il Ministero degli Interni lo sostiene con un contributo di 318.000 euro per interventi territoriali di informazione/promozione dell’integrazione socio-economico e culturale dei cittadini immigrati nel tessuto collettivo ed economico del territorio. Contributi anche per le “Sinergie”, proposte di gemellaggio presentate dal Comune di Pesaro e dal Comune di Mola di Bari per lo sviluppo e la diffusione di interventi di innovazione sociale giovanile sostenute con 220mila euro di cofinanziamento nazionale stanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.  

 

Ambiente ed heritage sono invece i settori su cui saranno investiti i 177.000 euro che il governo, tramite il Decreto crescita MISE, sosterrà per riqualificare con un efficientamento energetico, la sede comunale di Fiorenzuola di Focara; così come dei 151mila euro di fondi europei che Pesaro impiegherà per la sistemazione di una parte della darsena e per “l’ecoisola FEAMP” completamente automatizzata in cui saranno depositati i rifiuti speciali pescati in mare e che sarà collocata in un’area nella strada tra i due porti.  

 

Si riqualificano degli spazi e si valorizzano il Conventino e altre piccole infrastrutture turistiche del Municipio di Monteciccardo grazie ai 118.000 euro del progetto “Marca Flaminia”«Si tratta – precisa Vimini – della possibilità di infrastrutturare ulteriormente il Conventino (che era stato dichiarato inagibile circa un anno fa) e di procedere con ulteriori interventi, come l’ampliamento del Chiostro e la sistemazione del piano terra di straordinario gioiello. Dalla prossima primavera questo luogo si riaprirà con locali più vivibili».  

 

Con il fondo Mibact da 80.000€ del bando “Periferie Digitali” il Comune di Pesaro procederà poi al recupero delle biblioteche di quartiere. «Il risultato più eclatante è il lavoro su quella di Borgo Santa Maria, votata a una funzione educativa sull’uso delle nuove tecnologie e sugli aspetti formativi che possono dare ricadute economiche. La biblioteca sarà spazio attivo per attività di co-working anche per nuove start up». 

 

Altri 70.000 euro di fondi Feamp saranno impiegati per il nuovo tratto di bicipolitana che collegherà il ponte di Soria a viale Trieste, passando per la dividente portuale, «intervento che alleggerirà traffico nella zona e in particolare su via Napoli» mentre è di 56.700 euro l’importo dei fondi FSE che ha permesso “In OVER” che prevede l’assunzione di 8 tirocinanti over30 (laureati o diplomati) impiegati dal Comune per 25 ore a settimana, per 9 mesi, retribuiti con un compenso di 700 euro mensili.  

 

Il vicesindaco Vimini ha poi sottolineato il crowdfunding di 54mila euro che consentirà di rendere accessibile l’auditorium Pedrotti tramite interventi necessari per garantire l’accessibilità e la sicurezza dei locali (scale, elevatori, impianti, piattaforme). Parte della somma sarà usata per la sistemazione delle sedute, che consentirà un aumento del 30% della capienza della struttura. 

 

Della stessa cifra (54mila euro), e dalla grande valenza, c’è poi “Horizon 2020” il progetto che vede Pesaro inserita in un «partenariato di primissimo livello di cui ci onoriamo di far parte – aggiunge Vimini -. Pesaro e Milano sono le uniche città italiane che vi partecipano insieme a grandi enti come la Fondazione Mattei dell’Eni e Università internazionali. In questa prima fase ci permetterà di promuovere l’elemento cardine che abbiamo raccontato, la bicipolitana e la mobilità di Pesaro, a livello europeo e mondiale. L’aver “vinto” il bando rappresenta inoltre una “pole position”, una posizione privilegiata da cui potremmo partire per recepire ulteriori finanziamenti». 

 

Tra i contributi ottenuti dal Comune anche: 35.000€ per il progetto per l’acquisto di libri (bando libri Mibact); 50.000€ per acquisto biciclette (bando Esposizione FESR Regione Marche); 15.000€ per il progetto che favorisce l’accoglienza turistica (bando Accoglienza); 20.000 € per il potenziamento della biblioteca digitale (bando Biblioteca digitale); 35.000 progetto per mostra e per il GAD (bando Camera di Commercio); 28.000€ per ristori in ambito culturale e creativo (bando sportello Covid Regione Marche). 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here