Moto GP: in Catalogna è bis Lorenzo, Rossi terzo fa festa

0
492
Movistar Yamaha MotoGP's Italian rider Valentino Rossi rides in the chicane included in the racetrack, due to yesterday Spanish rider Luis Salom's fatal accident, at the Catalunya racetrack in Montmelo, near Barcelona, on June 4, 2016, during the Catalunya Moto GP Grand Prix third free practice session. / AFP / JOSEP LAGO (Photo credit should read JOSEP LAGO/AFP/Getty Images)

(ANSA) – ROMA, 17 GIU – La delusione di Andrea Dovizioso, la gioia di Jorge Lorenzo. Il box Ducati è dai sentimenti opposti al termine del Gp di Catalogna, una gara crudele per l’italiano, caduto prima di metà gara, e “fantastica” per il maiorchino, ancora primo al traguardo dopo la vittoria inattesa al Mugello di due settimane fa. Un esito che fa comodo soprattutto a Marc Marquez, secondo sul podio e ora più distante da tutti in vetta la mondiale, con 27 punti di vantaggio su Valentino Rossi, oggi terzo. Dovizioso, raggiunto da Lorenzo quota 66, dopo sette gare ha 49 punti di distacco dallo spagnolo della Honda e il sogno mondiale rischia anche questa volta di restare tale. Lorenzo era il naturale favorito della corsa, dopo aver stampato ieri il miglior tempo in qualifica (prima pole in assoluto con la Ducati), ma Dovizioso con la stessa moto e il mai domo Marquez, anche loro in prima fila, avevano le armi per contrastarlo. Lo spagnolo della Honda ha infilato tutti in partenza portandosi dietro Andrea Iannone con la Suzuki. Lorenzo però non si è scomposto e in beve si è preso la leadership, non mollandola più fino al traguardo grazie ad un ritmo costante che gli fa meritare il soprannome di ‘martello’.

Sono 46, per lui, le vittorie solo in MotoGp. Marquez, con entrambe le gomme dure, poteva solo sperare in un errore del futuro, e minaccioso, compagno di squadra che non è arrivato, mentre Lorenzo a 16 tornate dalla fine è caduto alla curva 5 quando era terzo, escludendosi dalla corsa e lasciando spazio sul podio a Valentino Rossi. Il nove volte campione del mondo era troppo lento per andare a prendere i primi ma anche troppo veloce per farsi raggiungere dagli inseguitori e ha colto un nuovo podio. “Punti importanti in chiave mondiale – ha commentato alla fine Rossi -, su una pista dove l’anno scorso non eravamo andati bene. Le Ducati e Marquez erano troppo veloci ma il terzo posto è buono”. Entusiasta Lorenzo, quasi incredulo di trovarsi ancora a trionfare dopo oltre una stagione di sofferenze. “Vincere due volte di fila è fantastico. E’ incredibile come le cose siano cambiate così tanto in così breve tempo”.

Un dubbio che deve insinuarsi anche ai vertici del team Ducati, che tanto hanno faticato per portare il maiorchino ai livelli di un tempo e ora devono solo aspettare il momento di salutarlo. La gara degli ‘altri’ ha visto Iannone cedere posizioni su posizioni dopo la fiammata iniziale e chiudere decimo, mentre ottavo ha chiuso Danilo Petrucci. Buon quarto posto per Cal Crutchlow, che ha tenuto dietro Daniel Pedrosa e un ancora deludente Maverick Vinales, solo sesto ma comunque terzo in classifica con 77 punti. Tra due settimane si corre ad Assen, l’università della velocità dove l’anno scorso trionfò Rossi. Un occasione per lui e le Desmosedici di mettere in difficoltà Marquez.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here