Minaccia vigilante con lametta. Arrestato 25enne

0
1821

PESARO – Nella notte tra sabato e domenica, il personale della Squadra Volante della Questura di Pesaro e Urbino ha tratto in arresto un 25enne cittadino italiano, di origine pugliese, dimorante in Pesaro, per i reati di resistenza e violenza a pubblico Ufficiale. Lo stesso, già noto alle Forze dell’Ordine, veniva altresì deferito all’Autorità Giudiziaria per possesso ingiustificato di arnesi atti ad offendere e tentato furto.
In particolare, alle ore 02.00 circa odierne, un addetto alla sicurezza privata notava il su citato giovane girovagare con fare sospetto fra gli stands allestiti in questa Piazza del Popolo, in occasione del mercatino rurale, tentando di rimuoverne le coperture, con l’evidente intento di rubare la merce custodita all’interno.
Nella circostanza il vigilante avvicinato il giovane, tentava di allontanarlo ma questi iniziava ad inveire nei suoi confronti, a minacciarlo di morte, brandendo una lametta da rasoio ed a spintonarlo. In difficoltà, l’uomo richiedeva l’intervento di una pattuglia dipendente. All’arrivo dei Poliziotti il sospetto, anziché calmarsi, prima li minacciava di morte, quindi si scagliava contro di loro. Nel corso della colluttazione, un Agente cadeva a terra, riportando lesioni ad una mano, con prognosi di giorni cinque. Conseguentemente il 25enne veniva tratto in arresto e trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Sempre il personale della Squadra Volante, nella tarda mattinata del 26 ottobre scorso, ha tratto in arresto un cittadino rumeno di anni22, già noto alle Forze dell’Ordine, residente nella provincia di Bolzano, per il reato di furto aggravato.
In particolare il predetto veniva bloccato dagli addetti alla sicurezza del supermercato Ipercoop di Pesaro, che poche prima lo avevano visto asportare tre videogiochi ed una camera Play Station dagli scaffali ed occultarli all’interno di una borsa che portava a tracolla, nonché allontanarsi, superando le casse, senza pagare il corrispettivo.
Gli stessi addetti, richiedevano quindi l’intervento della Polizia.
Giunti sul posto gli Agenti traevano in arresto lo straniero ed appuravano che lo stesso, allo
scopo di superare indenne i rilevatori antifurto posizionati all’ingresso dell’esercizio, aveva rivestito l’interno della borsa con della carta stagnola.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here