Maltempo, allagamenti e frane nelle Marche. La situazione aggiornata – VIDEO

31
5812

FANO – Pioggia e vento forte stanno colpendo in queste ore le Marche. Numerosi disagi vengono segnalati nella regione a causa della pioggia che cade incessantemente dalla notte scorsa. La situazione più critica si registra nel Fermano, in particolare a Sant’Elpidio a mare, dove diverse scuole sono state chiuse. Problemi consistenti si registrano per la viabilità, soprattutto lungo la provinciale Elpidiense e la Faleriense, a causa di allagamenti e frane. Preoccupa anche il livello del fiume Ete Morto, che sta crescendo. L’area interessata dall’ondata di maltempo è la stessa colpita dall’alluvione del 2 marzo 2011, che fece anche due vittime. Nel comune è stato attivato il Coc (Centro operativo comunale). La cittadinanza è stata invitata a parcheggiare le auto dei punti più alti della città e a spostare masserizie e altri oggetti dai piani bassi a quelli alti delle abitazioni. Anche a Porto San Giorgio, sempre nel Fermano, strade invase dalla pioggia, con la chiusura di almeno tre sottopassi. Piove insistentemente anche nel resto della regione, con disagi per il momento contenuti. Criticità nel Maceratese, con strade interrotte (il raccordo autostradale Tolentino-Civitanova Marche sulla superstrada Ss 77 bis) sempre per allagamenti. Alcuni incidenti stradali, con auto ribaltate, ad Ascoli Piceno, per fortuna senza feriti gravi.

PROTEZIONE CIVILE MARCHE IN SALA OPERATIVA – Riunione operativa della Protezione civile delle Marche, questa mattina, nella Sala operativa unificata (Soup) di Palazzo Rossini per fare il punto sulla situazione del maltempo che sta interessando, in particolare, la zona sud della regione. All’incontro hanno partecipato l’assessore alla Protezione civile Angelo Sciapichetti, il direttore del Dipartimento regionale Cesare Spuri, il segretario generale e capo di gabinetto della Giunta regionale Fabrizio Costa. La riunione è stata aggiornata alle 13. L’ondata di maltempo continuerà a interessare, nelle prossime ore, soprattutto la porzione centro meridionale del territorio marchigiano, con il decorso dei fiumi sotto stretto controllo. A Fermo e Ripatransone sono stati registrati picchi di pioggia di 90 mm, con disagi alla circolazione. Al momento risultano chiusi il tratto della Superstrada 77, nella zona industriale di Civitanova Marche (Macerata) per allagamento del sottopasso. Allagato anche il sottopasso della Strada provinciale Colbuccaro, a Corridonia (Macerata), mentre è stato interdetto – per esondazione del Menocchia – il ponte di ferro in contrada Pian dei Santi a Massignano (Ascoli Piceno). A Fermo due famiglie sono state evacuate in contrada Camera: una per esondazione, l’altra per una frana. Sotto stretto controllo la diga delle Grazie, a Tolentino (Macerata), come tutti gli altri bacini idrografici che stanno ricevendo, in queste ore, un deflusso di acque significativo. La Regione ha deciso di posizionare, in via precauzionale, due grosse motopompe della Protezione civile: una a Civitanova Marche, l’altra nel Fermano. Attivate le Sale operative integrate (Soi) di Macerata, Fermo, Ascoli Piceno e avvisate le prefetture dei tre capoluoghi provinciali. Attivi diversi Centri operativi comunali (Coc).

FiumeChientitraMCe PSelpidio

EteMorto2

ANCONA – Esonda fiume Chienti nelle Marche, cede pilone ponte
Oltre 65 mm di pioggia sono caduti nelle Marche dall’inizio dell’emergenza maltempo, con picchi – segnalati nel Fermano – di 126 mm. Numerose strade provinciali sono interdette al traffico e a Sant’Elpidio a Mare (Fermo) le scuole sono chiuse. La Sala operativa unificata della Regione Marche ha ospitato la seconda riunione della giornata della Protezione civile, alla presenza dell’assessore Angelo Sciapichetti. Il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, sta seguendo l’evoluzione della situazione, in costante contatto con la Soup. Molti dei territori colpiti, soprattutto nel Maceratese e nel Fermano, sono gli stessi dell’alluvione del 2013. Il fiume Chienti è esondato nella zona di Morrovalle e Montecosaro (Macerata). Diverse frane si registrano nella provincia di Fermo, a Montefortino, Montelparo Montottone, con allagamenti nella zona industriale di Montegranaro, Rapagnano, Ortezzano. Si segnalano interruzioni nel servizio di telefonia fissa in alcuni comuni dell’Unione della Valle dell’Aso. Sotto osservazione, nell’Anconetano, i fiumi Aspio ad Ancona sud) e Misa a Senigallia, in crescita perché continua a piovere. A Montefiore è crollato un pilone del ponte sul fiume Aso, già precedentemente chiuso al transito nell’emergenza maltempo del 2013. Verifiche statiche dei vigili del fuoco sono in corso in varie località.

A FANO CHIUSA VIALE RUGGERI – Chiusa per mareggiata via Ruggeri, zona Sassonia Sud. La linea 3 di Adriabus non transita in via Battisti e Via Alighieri. Per informazioni l’azienda dei trasporti ha messo a disposizione il numero verde 800-664332. In strada Comunale del Giardino, direzione Magliano (Rosciano di Fano) attenzione a una frana (foto).

IMG_3728

IMG_3725

Sotto costante monitoraggio il torrente Arzilla. (Foto)

IMG_3730

IMG_3731

arzilla

I Vigili del Fuoco segnalano, nel Maceratese, 15 interventi da effettuare, con alcune verifiche statistiche; nel Pesarese, tre interventi in corso; nell’Anconetano, interventi su uno smottamento e su allagamenti vari; nell’ascolano il personale è impegnato in allagamenti vari, mentre segnalano un albero caduto a Montecosaro e le due famiglie evacuate nel Fermano.

magliano-frana

La Protezione civile delle Marche sta monitorando anche il fiume Aspio, nel territorio di Ancona, che è in crescita a causa delle piogge che stanno cadendo insistentemente sulla regione. La zona, peraltro, ha subito più volte nel tempo danni seri – soprattutto alle attività produttive – a causa delle alluvioni. Altro “osservato speciale” è il Misa a Senigallia, che è cresciuto nelle ultime ore. Il Comune ha aperto il Coc, e la Provincia sta installando le paratoie. Nella seconda metà della giornata i fenomeni dovrebbero attenuarsi. Prevista una ripresa, anche se moderata, domani.

Carignano – Foto Reporter di Strada

1917329_997073340380850_8220380107003404457_n

Via Montegiano, terreno sta cedendo

via-montegiano

 

 

Tragedia sfiorata per il maltempo stamani a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), a causa delle forti piogge che da ieri investono il centro sud delle Marche, è crollata una parte del controsoffitto del Centro diurno socio-educativo Cediser, in via Machiavelli, in corrispondenza dei locali adibiti a cucina e refettorio. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. A scopo precauzionale la direzione del Centro, d’intesa con l’Amministrazione comunale, ha deciso di far riaccompagnare a casa gli ospiti, anche perché sarebbe stato impossibile servire loro il pranzo. Nel condominio che ospita il Centro sono in corso da alcune settimane lavori di ristrutturazione, che hanno comportato la rimozione delle coperture isolanti dei locali utilizzati dal servizio comunale. La pioggia intensa potrebbe aver danneggiato i pannelli in cartongesso, provocando il cedimento. I lavori di messa in sicurezza e ripristino della struttura cominceranno subito, e il Centro dovrebbe riaprire il 30 marzo. (ANSA).

31 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here