Malore in mare a Fano, muore la ricercatrice Monia Andreani – VIDEO

0
811

FANO – Si attende il nulla osta all’espianto degli organi, l’ultimo atto d’amore di Monia Andreani, la ricercatrice universitaria morta a causa di un malore occorsole in acqua venerdì mattina mentre nuotava a pochi metri da riva davanti al circolo velico Sassonia dove era arrivata assieme a due sue amiche per una giornata di sole e svago.
Ieri i medici hanno prospettato un quadro clinico che ha chiuso la porta ad ogni speranza di recupero e di lì la decisione coraggiosa dei familiari di dare il benestare per l’espianto una volta espletate tutte le procedure.
Stamattina al circolo velico Sassonia una rosa rossa sul Laser di Monia lo distingue tra le altre anonime imbarcazioni.
Mania, ci dice Roberto Pagnottella, il presidente del circolo velico Sassonia presente al momento della sciagura, era una nuotatrice esperta, partecipava tutti gli anni alla “Nutata Longa” ed era in acqua con la muta occhialini e cuffia, quindi niente congestione, non si avventurava così, anzi era una velista esperta e sapeva valutare il meteo e le condizioni del mare. E’ stata una vera disgrazia.
Pagnottella, che ha seguito anche l’evolversi della situazione in ospedale ci ha riferito che la causa del suo malore sembrerebbe essere stata une emorragia celebrale che le ha fatto perdere i sensi.
La sua amica Francesca, dopo che un ragazzino ha dato l’allarme, l’ha tirata a riva per un braccio dopo essere entrata in acqua a mezzo busto a pochi metri da riva e dopo di che le grida di aiuto hanno fatto arrivare di gran carriera i bagnini dei vicini bagni Maurizio.
Una volta che il cuore di Monia è ripartito, la corsa disperata in ospedale, ma dopo 24 ore di osservazione il comunicato della direzione medica ha gelato tutte le speranze ed i cuori dei suoi amici.
45 anni, ricercatrice di Bioetica all’università di Urbino e di filosofia politica all’università per stranieri di Perugia, molto nota in città per il suo impegno anche nel sociale e sul fronte dei diritti umani.
I Funerali si terranno Giovedì alla 16 a Perugia, nel Cimitero Monumentale Ponte Valle Ceppi. Al circolo velico in Sassonia di cui da innumerevole tempo era socia, rimane di lei, oltre al ricordo indelebile della persona e della sportiva, la rosa rossa sul suo Laser.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here