Inchiesta sanità, Ceriscioli: “Finora solo articoli di stampa”

1
1197

MARCHE – “Finora non sono giunti alla Regione atti o segnalazioni” in merito all’inchiesta della Procura di Ancona sugli appalti sanitari, con 9 indagati, “ma solo articoli di stampa”. Lo ha detto il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, nella sua comunicazione in aula al Consiglio regionale. “Tutte le dichiarazioni e gli interventi, fatti anche dai diretti interessati – ha aggiunto – sono stati fatti in base alla lettura di notizie di stampa”. “E’ importante – ha detto ancora – distinguere se rispondere su atti che arrivano all’ente Regione, oppure a seguito della lettura di articoli di stampa”. I dirigenti coinvolti nell’inchiesta sugli appalti in sanità “non ricoprono più gli incarichi che avevano all’epoca dei fatti” e quindi “non ci sono attività connesse a rapporti che possono entrare nell’inchiesta”. Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli nella sua comunicazione nell’aula del Consiglio regionale sulla vicenda. Al centro dell’inchiesta c’è “un contratto per un appalto da 12 milioni di euro alla Medilife spa per un centro stampa per la documentazione cartacea dell’Asur dal 2005 al 2015, prorogato dalla precedente amministrazione da febbraio a settembre. Da allora la Regione non ha avuto più rapporti con l’azienda, “tranne il mancato rinnovo della proroga, dallo scorso settembre. Non ci sono vantaggi, né attività legate a quell’appalto”. Il governatore ha ricordato che “il primo atto della Regione dopo la lettura degli articoli di giornale è stato incaricare il segretario generale di prendere contatto con i diretti interessati per valutare e intraprendere iniziative che mettessero l’ente al riparo”. A seguito di questi colloqui, l’attuale direttore del servizio regionale salute ed ex direttore generale Asur Ciccarelli “ha deciso di prendere l’aspettativa”. “E’ una questione delicata, che seguiamo con attenzione – ha rilevato Ceriscioli -, è giusto tenere un atteggiamento di grande cautela, che non vuol dire una condanna preventiva delle persone coinvolte”.

Nell’inchiesta sugli appalti sanitari condotta dalla Guardia di Finanza e coordinata dalla Procura di Ancona, c’è anche “una vicenda a latere su contributo per la campagna elettorale. Si è parlato della campagna elettorale del presidente, ma poi si è chiarito che si trattava probabilmente di un contributo al Pd”. Così Ceriscioli nella sua comunicazione all’aula del Consiglio regionale. (ANSA).

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here