Il Tar sospende il Referendum. Rinviata la fusione Pesaro – Mombaroccio

0
2078

La prima sezione del Tribunale Amministrativo Regionale delle Marche accoglie l’istanza di sospensione e per l’effetto sospende gli atti impugnati. Quindi uno stop alla procedura alla procedura di fusione dei due comuni, rinviando tutto all’udienza pubblica del 18 marzo 2016.

RICCI: FUSIONE RINVIATA DI QUALCHE MESE. AVANTI TUTTA  «Il referendum? Solo rinviato, ma di certo confermato: ci dispiace per i cittadini pesaresi e per quelli di Mombaroccio, che avrebbero potuto vedere gli effetti positivi già dall’inizio del 2016. Noi andiamo avanti, sempre più determinati». Lo dice il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, dopo l’accoglimento della sospensiva del Tar sul referendum consultivo relativo alla fusione Pesaro-Mombaroccio. Nota Ricci: «Trovo francamente bizzarra una pronuncia del genere, a sole 36 ore dal referendum. Ma tutte le sentenze vanno rispettate. Ci dicono che il motivo è procedurale? Noi abbiamo seguito, passo dopo passo, la procedura che abbiamo chiesto alla Regione alla fine di agosto. Rispettando tutte le indicazioni. Dalla Regione ci dicano allora, di nuovo, quale procedura seguire. E noi a gennaio ripartiamo, più convinti che mai». Ribadisce: «Andremo avanti e faremo il referendum nei prossimi mesi». Perché per il sindaco resta più che confermato. «Quando i cittadini si renderanno conto dei benefici che abbiamo perso nel 2016, dovranno ringraziare il comitato del no. Per paura di perdere il referendum, hanno fatto di tutto per non farlo. Ma invece si terrà, nei prossimi mesi, perché non si può limitare la partecipazione democratica e l’espressione popolare su una scelta strategica come questa». Per Ricci servono «Comuni più forti, per risparmiare e per fare investimenti su strade, scuole, arredo urbano. Tra l’altro, gli emendamenti dell’Anci approvati al disegno di legge di stabilità, nelle ultime ore, vanno proprio in questa direzione, proprio per incentivare i processi di unione e fusione, verso il rafforzamento dell’istituzione comunale e della semplificazione degli enti locali». Conclude così: «Non saranno gli ‘azzeccagarbugli’ a fermare il cambiamento necessario nell’interesse dei cittadini».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here