Fossombrone, un libro per sostenere le donne operate al seno

2
1110

FOSSOMBRONE – L’associazione Fior di loto invita sabato 21 maggio alle ore 17,30 a Fossombrone, nella chiesa di San Filippo, per la presentazione del libro “Il seno e la figura femminile nell’arte”, scritto da Giovanni Umberto Agostinelli, chirurgo plastico dell’Unità Operativa Senologia dell’Azienda Ospedali Riuniti Marche Nord, che devolverà il ricavato della vendita dei libri alla onlus, per sostenere le attività che sta svolgendo e migliorare i servizi offerti alle donne operate al seno. All’iniziativa, gratuita e aperta a tutti, interverranno l’autore e la prof.ssa Silvia Cuppini, docente di storia dell’arte all’Università di Urbino. Seguirà la discussione con il pubblico e un aperitivo offerto dal Centro medico Victoria di Fossombrone.
Il volume “Il seno e la figura femminile nell’arte” analizza i canoni estetici del seno e della donna, dalla preistoria a oggi, in un excursus dall’inedito taglio chirurgico. Il dott. Agostinelli, originario di Riccione, nella sua analisi si sofferma particolarmente su Guido Cagnacci, “pittore di sangue romagnolo, grande interprete della sensualità femminile” e considerato da Vittorio Sgarbi un “Fellini del Seicento”. La prof.ssa Silvia Cuppini, nella sua introduzione scrive: “La parola con cui uno scrittore si licenzia dai suoi lettori racconta molto sulle intenzioni più segrete del racconto. Dante conclude le tre cantiche con la parola “stelle” e non è certo casuale che il cielo stellato sia il campo aperto dei desideri dell’uomo. Giovanni Umberto Agostinelli chiude il suo scritto in ‘bellezza’. La bellezza dunque è il progetto e il fine di questo libro. Ogni tempo, come mostra il vasto repertorio di immagini, ha coltivato il suo ideale di bellezza costruendo sul corpo umano e in particolare su quello della donna un gioco di proporzioni ritenute perfette che nel loro insieme costituiscono il canone, la regola al di fuori della quale l’armonia necessariamente si viene perdendo. Artificio e natura si fondono nell’arte e nella scienza al fine di perseguire un ideale di perfezione”.
L’associazione Fior di loto aiuta le donne operate al seno per patologia mammaria a raggiungere un rapido recupero psicofisico, facilitandone il reinserimento familiare e sociale. Promuove attività d’informazione sulla prevenzione e sulla patologia mammaria e organizza sedute di linfodrenaggio e fisioterapia per le donne operate.

2 COMMENTS

Rispondi