Fano: pronti “buoni spesa” per 300 mila euro destinati alle famiglie in difficoltà

0
2

FANO – Il Comune di Fano tende, ancora, la mano a chi è in difficoltà. La giunta ha infatti approvato una delibera per stanziare un fondo da 300 mila euro a favore delle famiglie che stanno soffrendo a causa delle conseguenze economiche generate dal Covd 19.

Si tratta di una misura che il governo della città ha voluto fortemente per dimostrare la propria presenza: “Le evoluzioni negative delle ultime settimane – dichiara il sindaco Seri – stanno appesantendo i più fragili e, per rispondere a questa criticità, abbiamo stanziato un fondo di 300 mila euro di risorse proprie. Fano ci ha messo la faccia facendo uno sforzo maggiore rispetto ad altri comuni che hanno ricevuto finanziamenti ministeriali, a cui noi non abbiamo avuto accesso per motivi incomprensibili. Abbiamo veicolato questa nostra volontà tenendo conto della prontezza e della velocità di reazione verso chi ci sta chiedendo un aiuto. Essendo i primi nelle Marche a sperimentare l’accreditamento del bonus direttamente nella tessera sanitaria, siamo sicuri che altri comuni della nostra Regione seguiranno questa buona pratica per via dei punti di forza che abbiamo attribuito a questo processo: efficienza e semplificazione nell’erogazione, ma soprattutto rispetto poiché nella consegna viene evitato un contatto diretto con la famiglia che ne ha fatto richiesta. Fano, come sempre, non ha fatto mancare il proprio sostegno, valorizzando il senso di comunità”.

Una decisione inclusiva e orizzontale secondo l’assessore al Welfare di Comunità
Dimitri Tinti: “Parliamo di un segnale di forte attenzione all’emergenza sociale di cui
andiamo orgogliosi: questi 300 mila euro saranno destinati a chi sta conoscendo la crisi
per via degli effetti inflitti dalla pandemia”. Innovativa anche la modalità con cui verrà
declinato questo intervento di rilevanza sociale: “Questo fondo – continua l’assessore
Dimitri Tinti – si trasformerà in buoni spesa che verranno direttamente accreditati sulla
tessera sanitaria dei beneficiari. Una modalità innovativa e proficua che sfrutta
comunque il filone della digitalizzazione. Nei prossimi giorni ci confronteremo con i
sindacati per individuare i criteri e le modalità del bando con cui le famiglie potranno
accedere a questi aiuti. L’obiettivo è quello di dare un sostegno concreto agli ‘ultimi’,
coloro che stanno facendo fatica ad affrontare il peso della crisi della pandemia, che sta
tornando pressante. Dopo il riparto condiviso con gli altri comuni dell’Ambito Sociale 6
dei 60 mila Euro ottenuti dalla Fondazione Carifano, all’interno del progetto
‘Passamano’, a Fano spettano circa 30 mila euro che saranno destinati alle famiglie in
difficoltà economica seguite dai servizi sociali. In totale andremo a destinare ben 330
mila euro di aiuti per l’acquisto di beni di prima necessità”.

L’impegno della giunta viene motivato anche dall’assessora alle Finanze Sara
Cucchiarini: “Nella seconda manovra di salvaguardia abbiamo previsto 300 mila euro destinati al welfare: parliamo di un fondo che abbiamo costituto con risorse di finanza
locale che si sommano alle altre risorse che abbiamo messo a disposizione delle attività
produttive e dei cittadini durante questa pandemia. Ricordo che una manovra di
salvaguardia era già stata effettuata nella prima parte dell’anno, focalizzandosi sui
ristori della Tari e della Tosap verso il tessuto economico fanese per un importo di 1
milione di euro. Questo ulteriore aiuto è un grande sforzo per il nostro bilancio già
messo duramente alla prova dalla pandemia ma abbiamo sentito il dovere verso le
fasce più deboli. Stiamo lavorando poi ad un ulteriore ristoro per l’imposta sulla
pubblicità per quelle attività produttive fortemente penalizzate che non siamo riusciti a
raggiungere con le misure messe in campo sino ad ora”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here