Coronavirus Marche, Carloni (Lega) a Ceriscioli: sospendere le attività didattiche e di aggregazione

Coronavirus Marche, Carloni (Lega) a Ceriscioli: sospendere le attività didattiche e di aggregazione
Tempo di lettura: 2 minuti

FANO – Il consigliere regionale della Lega Mirco Carloni ha inviato una lettera al governatore Luca Ceriscioli per chiedere di adottare misure simili a quelle dell’Emilia Romagna per scongiurare la possibile diffusione del Coronavirus anche nella nostra regione. Ecco il testo della missiva.

Gentile Presidente,

ritengo necessario oltre che prudente, nel solo interesse della popolazione, che anche la nostra Regione emani un’ordinanza come hanno fatto le altre Regioni a noi vicine. Pensavo che venisse pubblicata l’ordinanza mutuando le altre regioni e sono stupito nel non aver visto anche per le Marche tale provvedimento. La invito a non attendere oltre e le chiedo pertanto che anche nelle Marche vadano sospese le attività scolastiche e aggregative in via prudenziale per evitare anche solo la possibilità di contagio visto che è in ballo la salute dei nostri concittadini. La invito a prevedere altresì l’obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso nelle Marche da zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva. Deve essere predisposta, a mio avviso, dagli organismi competenti la disinfezione giornaliera dei treni regionali e di tutto il trasporto pubblico locale via terra, via aeree e via acqua.

Il Consigliere Regionale
Mirco Carloni


Ancona, 24 Febbraio 2020 – “Chiediamo fermamente aPresidente della Regione Ceriscioli di assumere un’ordinanza come hanno fatto le altre regioni, tra cui l’Emilia-Romagna e la Liguria, che prima ancora di avere dei casi di contagio da coronavirus, per evitare rischi e soprattutto per evitare l’incertezza che stanno vivendo sindaci, rettori di università, presidi. E’ necessario farla per dare omogeneità all’azione di intervento di prevenzione nell’interesse dei cittadini. Chiediamo pertanto di assumere l’ordinanza così come fatta dalle altre regioni per chiudere le scuole, le manifestazioni, i luoghi di aggregazione e per dare disposizione agli ospedali per avere adeguata strumentazione per rispettare i protocolli di sicurezza che guardano sia coloro che provengono dalle zone a rischio con un’obbligatorietà al controllo, sia una disinfestazione costante del trasporto pubblico locale. La prevenzione in questo momento è necessaria e non più rinviabile ; così in una nota il commissario regionale della Lega Sen. Paolo Arrigoni assieme ai consiglieri regionali della Lega Sandro Zaffiri, Marzia Malaigia, Luigi Zura Puntaroni e Mirco Carloni.

Sen. Paolo Arrigoni

Sandro Zaffiri

Marzia Malaigia

Luigi Zura Puntaroni

Mirco Carloni

Condividi:
  1. Renzo Capecchi 24 Febbraio 2020, 12:05

    “A me sembra una follia. Si è scambiata un’infezione appena più seria di un’influenza per una pandemia letale. Non è così”. Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook Maria Rita Gismondo, direttore responsabile di Macrobiologia Clinica, Virologia e Diagnostica Bioemergenze, il laboratorio dell’Ospedale Sacco di Milano in cui vengono analizzati da giorni i campioni di possibili casi di Coronavirus.

    Rispondi
  2. Vallo a dire ai familiari delle 5 vittime….

    Rispondi

Rispondi

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Open chat
Powered by