Coronavirus, Carloni: contro Ceriscioli c’è la mano del burattinaio

0
299

FANO – Questa vicenda del Coronavirus è stata gestita in modo dilettantistico dal Governo e nelle Marche ha messo in luce le lotte interne al Pd per la successione di Ceriscioli alla guida della regione. E’ questo il pensiero del consigliere della Lega Mirco Carloni espresso ieri nel corso di una intervista a Fano TV. Già domenica scorsa – evidenzia Carloni – avevo formalizzato al presidente Ceriscioli – una richiesta per fare una ordinanza come misura di prevenzione, per dare ai soggetti interessati dei dispositivi come misure da adottare per far fronte a questa emergenza sanitaria.  E per una volta che Ceriscioli, seppur in ritardo, aveva preso una decisione, il Governo ci si è scatenato contro impugnando l’ordinanza per annullarla. La telefonata di Conte a Ceriscioli avvenuta in diretta durante la conferenza stampa, – prosegue il consigliere della Lega – dimostra chiaramente come dietro quell’intervento ci fosse la mano di un burattinaio (Pesarese ? n.d.r.) che voleva semplicemente far fare brutta figura a Ceriscioli. Ed è chiaro ormai che dentro il Pd c’è una divisione netta tra chi vuole ancora Ceriscioli e chi non lo vuole più, tra questi c’è  anche Conte.

Rispondi